IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Protesta del 13 febbraio: in piazza il Forum delle Donne di Rifondazione Comunista

Savona. La Federazione provinciale di Savona del Partito della Rifondazione Comunista aderisce alla giornata di mobilitazione in difesa dei diritti civili e sociali delle donne, in programma per domenica 13 febbraio.

“Il Forum delle Donne di Rifondazione Comunista di Savona sarà dunque presente alla manifestazione in piazza Sisto IV a Savona e poi prenderà parte, nel pomeriggio di domenica 13 Febbraio, alla manifestazione che si terrà a Genova. Non è più accettabile che, in un Paese che si definisce democratico e che poggia questa sua democrazia su un alto testo costituzionale, sieda a Palazzo Chigi chi fa del corpo delle donne un oggetto di puro desiderio maschile, di possedimento mediante il denaro e ne calpesta quindi il diritto all’uguaglianza di genere, rimettendo la posizione femminile al servizio del peggiore dei maschilismi e dei patriarcalismi di sorta. Per questo le donne di Rifondazione Comunista, ma anche gli uomini, saranno in piazza domenica 13 Febbraio, per dire: Se non ora, quando?” scrive Rifondazione Comunista – Savona.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. folgore
    Scritto da folgore

    @marco sferini
    discorso ineccepibile, considerato che lo leggono politci, avvocati, laureatima anche senza nulla tolgiere operai e persone non istruite ora capisco perchè non fate più troppi proseliti tra le fila dei lavoratori in fabbrica.
    E’ un forum non un aula di tribunale, a me va benissimo anche il linguaggio forbito, perchè voi con le parole siete maestri, sno i fatti e i numeri, dati incontrovertibili con i quli fate parecchio a botte e si vede.
    Mi ripeto, come ho già detto morlamente e politicamente non mi piace il comportamento del premier, non so che gusto si provi a pagare una donna e non ci tengo a saperlo, ma se una donna viene sfruttata da un protettore allora penso valga la pena che ci si batta per i suoi diritti, ma se una donna LIBERAMENTE sceglie di farsi pagare migliaia di euro per andare a letto con persone facoltose, ma fossero anche liberi cittadini che hanno quei soldi ma perchè ci si pone il problema?
    Non la giudico, personalmente pernso per lei che sia squallido e di sicuro non ci andrei mai, ma se lei lo vuole fare si faccia piouttosto una manifestazione sotto casa delle escort per far loro capire che fare quel mestiere è svilente.
    Avete tirato su voi un caso su chie come vinene portto a letto dal premier e ora fate una manifestazione contro lui che paga una donna consenziente?c’è da toccarsi per vedere se si sta sognando!
    Se una donna addirittura la D’Addario riceve soldi e favori, va con il premier si porta dietro un registratore voi la incensate come madre teresa, vi va bene che una del proprio corpo faccia quel che vuole a patto che non vada a letto con Berlusca?
    Fate pace con il cervello e poi se ne riparla!

  2. Scritto da Marco Sferini

    Mi sembra che la migliore dimostrazione della necessità di una rivendicazione del ruolo egualitario della donna nei confronti dell’uomo traspaia proprio dai commenti di cui sopra. Tutti e ciascuno dicono che la donna comunque è da giudicare, da valutare, da squadrare nei suoi comportamenti.
    Il punto focale della questione è una sorta di revanchismo maschilista e machista che viene benissimo incarnato dal cavaliere nero di Arcore e nel quale moltissimi italiani maschi si rispecchiano direttamente ed indirettamente.
    E questo avviene non solo nel mero campo sessuale, ma anche in quello politico.
    Berlusconi rappresenta molto bene il peggio dei vizi e delle storture illegali di questo nostro povero Paese, di moltissimi italiani.
    Purtroppo non solo le battaglie per i diritti sociali sono ancora molte da fare, ma anche quelle per i diritti civili non scherzano. Tutto dipende dalla capacità di un popolo di crescere collettivamente e al contempo singolarmente. Questa capacità gli italiani non l’hanno ancora e ci vorranno moltissimi anni per recuperare almeno quella parvenza di solidarismo e di socialità che la nostra Costituzione aveva istillato nel comune senso civico che oggi le destre hanno distrutto, dopo un lungo catodico lavoro di oltre 30 anni, dopo le trame gielliane e quello che Antonio Gramsci avrebbe definito molto semplicemente: il “sovversivismo delle classi dirigenti”.
    Cordialità.

    Marco Sferini
    Rifondazione Comunista
    Savona

  3. G.B. Cepollina
    Scritto da G.B. Cepollina

    Hitech, ma smettila di fare il bacchettone moralista tanto al kg…. Come già detto da qualcuno le ragazze che sono andate alle feste di Arcore ci sono andate con le loro gambe e con loro piena volontà … Le vecchie inacidite che domani manifesteranno magari sono le stesse che trent’anni fa gridavano “il corpo è mio e me lo gestisco io”… E ora fanno le moraliste solo con Berlusconi. Era amore senza dubbio quello di Carmen Llera con Il compagno Moravia di 50 anni più vecchio? Il “povero” polasky è un violentatore pedofilo ma va capito… È un regista di sinistra… E Nilde Jotti è venerata come una santa laica e va benissimo se a 25 anni è andata a letto con il suo capo di 27 anni più vecchio che, successivamente, per lei ha lasciato moglie e figlio handicappato. 
    A Berlusconi piacciono le belle donne… È un peccatore! Ebbè… I bacchettoni dovrebbero capire che agli italiani non importa nulla di cosa fa Berlusconi in camera da letto… Al massimo lo invidiano…

  4. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Hanno ragione le donne. Quelle “poverette” a cui fa riferimento Bianchi, grazie al Cielo csono una minoranza e le donne italiane non sono tutte catalogabili come queste capre, cresciute dalla televisione privata di regime a grande fratello e tronisti,,, … ! Il sistema ha iniziato la sua marcescenza quando sono venute meno le pur fondate lotte di classe, grazie all’importazione di modelli e stili di vita consumistici e capitalisti di stampo americano. Quei quattro scarti della società messi assieme per fare una nazione sempre di scarti sono originari e scarti sono ancor oggi le loro metodiche politico-economiche. Quantomeno sotto l’aspetto della totale assenza di valori e principi. Obama ha un compito impossibile: far capire al sauo popolo di ex-scarti che il mondo luccicante e di lustrini americano sta andando verso il baratro e stà trascinando anche il vecchio continente con esso.
    Noi, specialisti nello scimmiottare gli altri, non siamo stati da meno e a partire dalla Liberazione ad oggi siamo riusciti ad emularli solo in negativo. Altri, invece ci hanno surclassato, pur partedo dalle rovine come le nostre. MI riferisco alla Germania e ai paesi scandinavi, dove hanno ben chiaro come si declina e si implementa il progresso vero. Quello fatto di cose un po’ piu’ concrete.
    Le donne dovrebbero prendere il potrere in tutto e noi fare atto di penitenza per i fallimenti di cui siamo responsabili. …Ma le liste per candidare queste donne che ci dovrebbero traghettare nel futuro dovrebbero essee complitate attingendo non tra le escort o le igieniste dentali, pittosto hce tra le soubrette….

  5. Scritto da Resist

    Si era detto che per questa manifestazione si dovevano evitare polemiche di partito ed impedire che qualcuno ci mettesse sopra il cappello.
    Quella di Rifondazione è una presa di posizione che in questo caso non aiuta.