IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pietra, nuovo Ecocentro: punti informativi sul territorio comunale

Più informazioni su

Pietra Ligure. Campagna di affissioni sull’intero territorio comunale, con l’utilizzo di manifesti e locandine, per illustrare il funzionamento del nuovo Ecocentro

L’Ecocentro è un’area pubblica finalizzata alla razionalizzazione ed alla massimizzazione della raccolta differenziata dei rifiuti urbani che potranno così essere avviati al ciclo che permetterà la loro riutilizzazione. Le tipologie di rifiuti che verranno direttamente raccolti sono: ingombranti (materassi, poltrone, sedie, tavoli, mobili in genere), verde (ramaglie, sfalci delle erbe, foglie), RAEE (frigoriferi, TV e monitor, piccoli e grandi elettrodomestici), legno (parti di mobilio, tavole), ferro, alluminio, cartone e carta, vetro, plastica e polistirolo, pile esauste, batterie al piombo esauste, olii esausti, farmaci scaduti, materiale inerte porcellanato, pneumatici, lampade e neon, materiali misti.

L’Ecocentro sarà aperto dal lunedì al sabato, dalle 7,30 alle 13,30. Per poter usufruire del nuovo servizio è necessario avere con sé la tessera sanitaria dell’intestatario della bolletta dei rifiuti (TARSU) del Comune di Pietra Ligure. Per informare la cittadinanza sono stati organizzati cinque punti informativi. I prossimi e ultimi, durante i quali verrà distribuito materiale informativo, saranno il 19 febbraio dalle 9 alle 12 presso il Mercato di piazza S. Nicolò e il 20 febbraio dalle 9 alle 12 presso Parrocchia N.S. del Soccorso.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. mugugnolibero
    Scritto da mugugnolibero

    Volevo solo informare gli attenti lettori che hanno risposto al mio quesito che non sono ancora andato a visitare l’ecocentro, per cui se qualcuno fosse così gentile da rispondere alla mia domanda iniziale…

  2. re artu
    Scritto da re artu

    Caro IronMan forse lei non sa che il sig.hi-tech e Luigino ( lo chiamo Luigino da quando portavamo i pantaloncini corti e non x prenderlo in giro) sono amiconi, quello che sarebbe bello sarebbe onesta’ trasparenza e obbiettività da parte di tutti . X il sig. mugugnolibero le chiedo se e’ andato a vedere chi lavora all’ ecocentro ? Sicuramente da mugugnolibero lei diventerebbe incaz–tolibero .
    Saluti Arturo R.
    X la Redazione di I.V.G. questo mio commento non e’ offensivo x nessuno saluti e buon lavoro a tutti voi

  3. IronMan
    Scritto da IronMan

    Spiace solo che il solito-solo-solitario @higtech consideri Pietra Ligure avanti alle altre amministrazioni . . . talmente avanti che ha fatto il giro ed adesso si trova. . . dietro al cu7o dei pietresi !!

  4. IronMan
    Scritto da IronMan

    @grillo irrequieto . . . nessun miglioramento, anzi un costo ed un’incombenza gravosa in più. Ma del resto non ci dobbiamo meravigliare di questa Amministrazione De Vincenzi, che ha erogato un contributo di 40mila euro per “lo studio sulla rumenta differenziata” ad una ditta Piemontese, ed il risultato sono quattro miseri cassonetti marci che d’estate straripano di rumenta (ma bella e differenziata) !! Per trovare una simile soluzione (quale?boh..), bastava chiedere agli stessi spazzini dell’Aimeri. . .

  5. grillo_irrequieto
    Scritto da grillo_irrequieto

    scusate. Dicevo spiegatemi i miglioramenti che questo ecocentro ha portato ai pietresi, ossia fino ad ieri il cittadino che faceva la differenziata si divideva la rumenta e nei giorni stabiliti la depositava nei contenitori vicino a casa, perchè adesso lo stesso cittadino dovrebbe caricarseli in macchina e andare in via Crispi a consegnarli nell’ecocentro? Non ditemi che lo farebbe nella speranza di essere premiato, quale cittadino virtuoso, con biglietti per il cinema o con piccoli elettrodomestici, perchè mi viene da ridere.
    Inoltre, prima se avevo degli ingombranti telefonavo ad Aimeri e nel giro di pochi giorni venivano con un camion sotto casa a prenderli, adesso li devo portare io all’ecocentro e trovarmi un mezzo idoneo, oppure telefonare ad Aimeri che, a pagamento, verrà a prenderli.
    Ma allora, per il cittadino normale, dove sono i miglioramenti?