IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pietra, “Canto per Vanzetti”: spettacolo e riflessione sull’immigrazione

Pietra Ligure. L’associazione “Find The Cure” e il Comune di Pietra Ligure portano sul palco uno spettacolo speciale dedicato all’immigrazione. L’immigrazione del popolo italiano, attraverso la storia simbolo di Bartolomeo Vanzetti. Uno spettacolo per risvegliare la memoria di un popolo che in prima persona ha vissuto questo fenomeno. L’appuntamento è per domani sera, mertedì 8 febbraio, alle 21 al cinema teatro comunale.

“Canto per Vanzetti” vuole essere un omaggio a Bartolomeo Vanzetti, emigrato piemontese negli U.S.A. (“Tumlin” per gli amici d’infanzia, “Bart” per quelli americani), ricco di spiritualità e generosità, divenuto famoso suo malgrado per un ignobile atto di ingiustizia che lo ha portato, insieme all’amico Nicola Sacco, alla sedia elettrica. Il lavoro teatrale è la cronaca di un sogno, di un’utopia, e di una speranza mortificata, bruciata viva. Una storia che non porta lezioni in sé, che non serve a qualcosa se non a ricordare, a “restituire voce”. Negli anni ’60 e ‘70 il caso Sacco e Vanzetti veniva indicato come un caso irrisolto della giustizia e della democrazia mondiale. Joan Baez lo cantava nei raduni sterminati. Migliaia di giovani ne conoscevano, a grandi linee, risvolti ed esiti. Scriveva Vanzetti pochi giorni prima di morire: “Io voglio che voi tutti mi cantiate anziché piangermi”.

La storia che ne traspare è quella di un giovane che, dopo anni di precarie condizioni di salute e di lavoro, s’imbarca per l’America (come tanti in quegli anni) in cerca di una nuova vita, di una nuova società. Una storia ordinaria, dunque, che diventerà però una storia simbolo; il destino di Sacco e Vanzetti, capri espiatori di un’ondata repressiva lanciata dal presidente Woodrow Wilson contro la «sovversione», non solo smosse le coscienze degli uomini dell’epoca, ma continuò come un fantasma ad agitare l’America per decenni. Finché nel 1977, cinquant’anni dopo, il governatore del Massachusetts Michael Dukakis riconobbe in un documento ufficiale gli errori commessi nel processo e riabilitò la memoria di Sacco e Vanzetti. Riabilitazione completa? Molti, ancora oggi, pensano di no. “Canto per Vanzetti” è la cronaca di un sogno, di un’utopia, di una diaspora e di una speranza, di una storia che non porta lezioni in sé, che non serve a qualcosa se non a ricordare, a “restituire voce”. E la “parola” del teatro, i suoi segni, sono lo strumento basso che ci è dato per fornire a quella voce, a quelle voci, una nuova dimensione. Poiché memoria è vita.

Nella serata verrà presantato il libro “Mamma vado a vivere in Italia. Tratto da una storia vera la loro.” Progetto realizzato grazie al contributo della Provincia di Savona, un libro dove 20 protagonisti, da 20 paesi diversi, raccontano 20 storie vere. Una sola meta:l’Italia. Gli intrecci del destino, le sofferenze, il coraggio, di chi ha lasciato la propria terra per una vita qui, nella provincia di Savona. La vera storia raccontata da chi ha vissuto tutto questo con l’orgoglio e la serenità di chi è consapevole del lungo viaggio chiamato immigrazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Resist

    Tematiche importanti che ci interrogano per due motivi:
    -come venire incontro e alleviare le sofferenze di chi è costretto ad emigrare.
    -come fare ad interrompere quella catena di crimini che ancora oggi è la “pena di morte”,applicata in modo orrendo in tanti paesi che si ritengono civili.