IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pedofilia, Zanardi replica all’Udc: “Prima di parlare informatevi”

Savona. “Sinceramente di vergognoso trovo che ci siano le prese posizione di alcuni partiti alla possibile ricerca di voti, sostenendo i potenti”. Inizia così la replica, che non si è fatta attendere molto, di Francesco Zanardi all’Udc savonese che ieri lo aveva attaccato per la sua azione contro il Vescovo Lupi.

“Credo che i signori dell’Udc savonese prima di parlare dovrebbero informarsi, ovviamente qualora fossero interessati alla verità e alla tutela dei cittadini, non a altro. Consiglierei, dal momento che le ho rese pubbliche, (http://www.youtube.com/watch?v=ZJz8mPHreF4) che i signori Roberto Pizzorno e Rosavio Bellasio si andassero a sentire le registrazioni, anche quella di Vittorio Lupi in modo che possano verificare di persona la malafede con la quale ha agito il presule” tuona Zanardi.

“Poi indubbiamente riusciranno a trarre conclusioni più reali, se non altro come persone a conoscenza dei fatti. Chiedete al vostro vescovo chiarezza, anziché indignarvi senza neppure sapere il motivo, solo per farsi un pò di pubblicità sui media, la stessa che attribuite a me signori, con la differenza che io ho messo in piazza la mia vita e non ne trarrò sicuramente vantaggio, voi perche lo fate?” conclude il “grande accusatore” della Diocesi.

Intanto anche Alberto Sala, presidente dell’Associazione “Piccolo Alan” Onlus, da anni impegnata nella difesa dei diritti dei bambini, ha manifestato “rammarico e sdegno per le dichiarazioni dei rappresentanti dell’Udc di Savona in merito alle denunce del sig. Francesco Zanardi nei confronti del Clero savonese e in particolare del Vescovo, Mons. Vittorio Lupi per gravi e persistenti casi di pedofilia”.

“Nell’esprimere massima stima e appoggio al Sig. Zanardi – aggiumge Sala -, sottolineo quanto i vertici dell’Udc savonese siano disinformati in merito ai fatti. Di fronte a un dramma come la pedofilia che genera immense sofferenze ogni cittadino (e a maggior ragione ogni politico) dovrebbe avere la coerenza, il senso civico e il coraggio di mettersi a fianco delle vittime e non dei carnefici. La nostra Associazione appoggia con fermezza, senza timore e senza paura la denuncia del Sig. Francesco Zanardi e di tutte le vittime dei pedofili sacerdoti e di quanti, colpevolmente e consapevolmente, li hanno coperti. Con la speranza che la nostra protesta unita a quella di tutte le persone che esigono verità e giustizia in merito ai fatti denunciati trovi degno spazio e rilievo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Daccordo con Fisher.
    Zanardi cavalca molto bene il fenomeno mediatico e sono certo che di lui sentiremo parlare o lo vedremo in qualche manifesto elettorale.
    La pedofilia è una piaga sociale che, come ricorda giustamente Fisher, in termini numerici del fenomeno, affligge specialmodo la società civile, ma…la componente di tale marciume reperibile in ambito ecclesiastico fa piu’ notizia…
    Pur essendo un cattolico praticante e per quanto la mia condizione umana me lo consente, osservante, e pure essendo (ovviamente) molto vicino alla Chiesa, sono perfettamente allineato con quello che i miei valori etici, non necessariamente religiosi, mi suggeriscono. iano essi “scomodi” o impopolari. La pedofilia mi ripugna e mi ripugnano altrettanto quelli che pongono dei finti moralismi tesi solamente a proteggere il fenomeno. Non per questo credo che la crociata di Zanardi possa essere condotta in tale maniera. Se il Vescovo ha delle responsabilità e l’accusatore ne ha le prove o il sospetto non ha che da compiere un semplice passo: DENUNCIARLO ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA, senza tutta questa operazione di marketing. I preti, non godono, come i politici, dell’immunità parlamentare per i reati… e ci penserà qualcun’altro a giudicarlo, con tutti i diritti della difesa che spettano a qualunque cittadino. Non iteressa sapere che qualcuno lo sveglia di notte con il campanello di casa. Interessa avere la certezza che lui, se ha in mano prove o sospetti o indizi o altro, consegni tutto alla Procura e lo faccia come diovere di ogni cittadino, oltre che di parte lesa. Siamo tutti come lui ansiosi di veder condannati i pedofili. VORREMMO SCROLLARCELI DI DOSSO DA OGNI DOVE DELLA NOSTRA SOCIUETA’ CIVILE, RELIGIOSA, POLITICA… ETC.

  2. Fisher
    Scritto da Fisher

    Cosa non sta facendo questo Zanardi per un po’ di visibilità! Sicuramente lo troveremo candidato alle prossime elezioni comunali, probabilmente candidato sindaco di qualche lista di appoggio per avere la certezza di essere eletto, tanto per cominciare.
    Vicino a “…le vittime dei pedofili sacerdoti…” sacrosanto, siano maledetti, ma le vittime degli allenatori, dei vicini di casa, degli zii, dei fratelli… quelli no, non sono importanti? Eppure riguarda oltre il 97 % dei casi di pedofilia…