IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Omicidio di Rapi Sali: “secondo” rinvio a giudizio per uno dei presunti killer

Savona. Questa mattina, in Tribunale a Savona, in sede di udienza preliminare il giudice è dovuto tornare sopra un caso di omicidio che era già approdato in Corte d’Assise. Il gup Emilio Fois ha rinviato a giudizio, per la seconda volta, Besnik Adrian Plaku, albanese 36enne, che deve rispondere dell’uccisione del suo connazionale Rapi Sali, che era stato ucciso il 10 giugno 2000 a Borghetto. Per un difetto di notifica il primo rinvio a giudizio verso l’imputato era infatti stato dichiarato illegittimo e così la sua posizione era stata stralciata. Questo perché l’uomo era stato dichiarato “latitante” mentre invece era rinchiuso in carcere in Albania e di conseguenza rintracciabile.

Nel frattempo Adrian Plaku, detto “Nico”, è uscito dal carcere e adesso è nuovamente latitante. Il processo a suo carico, in Corte d’Assise, però ripartirà regolarmente e la prima udienza sarà celebrata il prossimo 29 novembre. Per l’omicidio di Sali, sempre nel tribunale savonese, è sul banco degli imputati anche un altro albanese, Xhevedet Plaku, 28 anni, detto “Deti”. Per lui si è verificato però lo stesso “impiccio” burocratico ed il rinvio a giudizio dovrebbe essere riformulato. E’ probabile che quindi il processo per i due albanesi diventi unico.

Secondo il quadro accusatorio, “Deti”, insieme ad Adrian Plaku, uccise Sali, in un vero e proprio agguato, sparandogli due colpi di 7.65 alla testa sull’Aurelia. Nello scontro a fuoco rimase ferito in modo gravissimo anche Alfred Hasa. Secondo gli investigatori l’omicidio maturò nell’ambito degli scontri tra “bande” per il controllo del mercato della prostituzione di strada lungo l’Aurelia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.