IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Milleproroghe, il Governo pone la fiducia: per la Liguria in ballo oltre 310 mln

Il governo ha posto la questione di fiducia in Aula al Senato, sul decreto legge milleproroghe. Il ministro per i Rapporti con il parlamento, Elio Vito, ha preso la parola alla riapertura dei lavori chiedendo la fiducia sul maxiemendamento presentato dall’esecutivo. ”Verificheremo” che il governo rispetti, nel testo del maxiemendamento, il testo approvato dalla commissioni Bilancio e Affari costituzionali del Senato, ha detto il presidente del Senato, Renato Schifani, dopo la fiducia. L’approvazione del maxi decreto vorrebbe dire per la nostra Regione la conferma dei fondi per l’alluvione 2010 (90 mln), la piattaforma Maersk (150 mln) e il ribaltamento a mare di Fincantieri a Genova (70 mln).

”E’ evidente che se nel maxiemendamento, nelle parti nuove, ci dovessero essere argomenti totalmente estranei alla materia eserciteremo la nostra vigilanza”, ha assicurato Schifani. Il provvedimento, ha quindi sottolineato, ”è impegnativo e di varia portata, diversamente dai decreti milleproroghe del passato”. Ma il presidente del Senato ha garantito di aver ”già esercitato in questi giorni” la sua attività di controllo”. Come nel caso del tema ”particolarmente delicato che è stato introdotto, relativo alla norma attinente al sistema bancario”. La seconda carica dello Stato ha poi spiegato di aver ”stimolato” un passaggio in commissioni Bilancio, per dare un parere consultivo, ”per fare in modo che nuovi argomenti di significativa portata potessero vedere coinvolte le commissioni competenti, così è stato”.

Schifani ha infine auspicato di poter vedere al più presto la relazione tecnica che accompagna il nuovo provvedimento. L’Aula di palazzo Madama voterà la fiducia al milleproroghe intorno alle 20 di questa sera. Lo ha deciso la capigruppo. Il dibattito inizierà alle 16 mentre alle 19 è previsto l’avvio delle dichiarazioni di voto che dovrebbero durare un’ora circa. Intorno alle 20 dovrebbe quindi iniziare la chiama dei senatori per il voto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.