IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Mi illumino di meno”, Andora dà un tocco “tricolore” all’iniziativa

Andora. Oggi si svolge la settima edizione di “M’illumino di meno” campagna radiofonica sul risparmio energetico ideata dalla trasmissione Caterpillar di Radio 2 Rai. La Giornata del Risparmio Energetico è stata fissata appunto per oggi, 18 febbraio, quando, grazie anche alla collaborazione di ANCI tutti Comuni d’Italia, le scuole le associazioni sono invitati a creare una sorta di “interruzione dei consumi” e fare spazio ad un’accensione simbolica di un punto luce a risparmio energetico.

Il Comune di Andora ha aderito con entusiasmo all’iniziativa: “Con l’occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, si è pensato di dare all’edizione del 2011 anche una connotazione patriottica. Per meglio evidenziare questa campagna per il risparmio e la produzione di energia pulita per tutti, l’invito è di dare un tocco ‘tricolore’ all’evento, inventando un’azione di ‘buio illuminato’ che ponga l’attenzione sulla necessità di ridurre i consumi sostenendo le energie alternative, ponendo l’attenzione sulla bandiera italiana”.

“Ho immediatamente aderito a questa iniziativa con entusiasmo – dichiara il Sindaco Franco Floris -. Stiamo parlando infatti di due argomenti a me molto cari: la salvaguardia dell’ambiente e la celebrazione di un evento storico fondamentale per la nostra identità di italiani. Forse ad un primo sguardo i due eventi possono sembrare assai distanti, ma trovo invece che l’idea di creare una sorta di Spedizione dei Mille della produzione e del consumo intelligente di energia in ogni angolo della Penisola, sia una grande testimonianza di unità di pensiero ed intenti. Un pensiero di patria intesa non solo nel suo più alto significato istituzionale, ma anche sotto l’aspetto della difesa del luogo dove viviamo e lavoriamo ogni giorno, pensando all’aria che respiriamo, ai consumi sfrenati di energia che dobbiamo arginare ad ogni costo”.

“La mia città aderirà al progetto creando un punto luce proprio sul nostro bel Lungomare. All’altezza dell’ex Colonia d’Asti abbiamo sistemato uno striscione celebrativo dei 150 anni sopra al quale è stato posto un supporto alto 6 metri sul quale sventola una bandiera con il nostro tricolore. Dalle 18 circa di oggi e per tutta la serata, un punto luce illuminerà questa installazione, per testimoniare la ferma partecipazione della mia città a questa importante iniziativa. Invito i cittadini che volessero unirsi a ‘Mi illumino di meno’ a volere spegnere anche solo per mezz’ora le luci di casa e dove è possibile, a sistemare un tricolore per creare un ideale abbraccio alla grande bandiera esposta sull’Aurelia”.

“Mi auguro – conclude il Sindaco – che come sempre tutta Italia partecipi in maniera massiccia a questa campagna che deve essere lo spunto per lavorare di più e meglio nel campo dell’energia alternativa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marco marchiano

    connotazione patriottica!!! porre l’attenzione sulla bandiera italiana, inventando un’azione di ‘buio illuminato??? e la fuga del cavallo morto quando la facciamo…. l’uomo nudo con le mani in tasca… e questo….? – si che oggi gli elettricisti riescono a fare di tutto.. però un minimo di logica ci vorrebbe, almeno sull’italiano scritto.
    aderire ad un’iniziativa è ammirevole ma se trascrivo quello sopra detto – “””Stiamo parlando infatti di due argomenti a me molto cari: la salvaguardia dell’ambiente e la celebrazione di un evento storico fondamentale per la nostra identità di italiani.”””” – sul secondo argomento non esprimo e rispetto. Ma sul primo argomento egregio elettricista mi consenta… che un po’ di demagogia si è infiltrata, basti guardare di fronte al Comune cosa è riuscito a far sorgere , non a caso si vocifera ad Andora che quello che si erge venga chiamato l’eco-mostro. Che l’argomento ambiente le stia a cuore…. mah. I fatti direbbero l’esatto contrario… faccia un giro per Andora.
    Perchè dobbiamo arginare i consumi sfrenati di energia ad ogni costo.. se quello che si produce è energia pulita ben venga il consumo tanto non inquina! semmai bisogna arginare le immissioni di Co2 nella produzione di energia…
    Che poi mi dica – “”””“La mia città aderirà al progetto””””” – si ricordi che non è sua la città, lei è un amministratore PRO-TEMPORE per fortuna.