IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incidente Kubica, Montaldo: “Il Trauma Center lavora così tutti i giorni”

Pietra Ligure. “Le cure che sta ricevendo il pilota di Formula 1 Robert Kubica all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure dimostrano l’efficacia di quella struttura”. Queste le parole dell’assessore regionale alla Sanità Claudio Montaldo a proposito della permanenza del famoso pilota nel nosocomio ligure.

“Il Santa Corona è uno dei classici esempi che dimostra come la politica razionale possa effettuare un ridimensionamento riqualificando allo stesso tempo il servizio – continua Montaldo – Kubica è un personaggio famoso, ma voglio specificare che il Trauma Center lavora in questo modo tutti i giorni e ovviamente anche per i pazienti ‘normali’”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. folgore
    Scritto da folgore

    @grilloparlante
    non vorrei andare fuori tema rispetto all’articolo ma approfitto per una sana e onesta discussione.
    Il container che c’è a Genova nullaha a che vedere con scorie nucleari frutto di scarti all’interno delle centrali, allo stesso modo ci sarebbe la grana dei proiettili radioattivi ecc tutti utilizzi avulsi da quel che un nobile fisico italiano di nome Fermi pensò quando fece la sua scoperta.
    Ti posso dire che un paese come la francia con 58 reattori nucleari attivi ha un numero di incidenti e di morti, dirette ed indirette imputabili al nucleare irrisorio, in proporzione fa più morti lo smog da traffico,
    Ovvio che sul nucleare occorre investire, am in italia nonc’è mai un’onesta discussione e quando si terminano gli argomenti si evoca il nome di Chernobyl come un mantra per terrorizzare le persone senza spiegare loro cosa esattamenteè successo (la versione più in voga è l’esplosione, cosa falsa altrimenti non esisterebbe più l’europa anche perchè a fianco c’erano altri 4 reattori sani ed integri ad oggi).
    Da quel tipo di centrale si sono fatti innumerevoli passi avanti fino ad arrivare ad ITER reattore di ultima generazione sul quale si tenterà per la prima volta un esperimento circa l’utilizzo della fusione nucleare, esperimento in cui è coinvolta Ansaldo Superconductors azienda italiana.
    Mi pare stupido non investire sul nucleare quando abbiamo tra Germania e Francia più di 120 reattori attivi e dai quali compriamo energia ad altissimo costo, mentre potremmo tranquillamente farcela noi, è stupido avere Enel che rpodce con il nucleare in Slovacchia e poi traporta in Italia,
    Pensiamo ad un piano di investimento serio, con tecnici seri e coinvolgendo chi come AREVA’, EDF ed altri gruppi hanno esperienze 50ennali nel settore.
    Pensare che Fermi fece la più grande scoperta del XX secolo e poi noi lò’abbiamo svenduta per 30 denari rimanendo poi nel medioevo energetico, senza contare che le soluzioni paventate (pannelli solari) sono un businness ed una fregatura legalizzata di cui NESSUNO informa gli utenti, primo tra tutti Grillo.

  2. Scritto da grilloparlante

    @folgore. Penso di capire cosa intendi, ma noto che sei particolarmente preso dal discorso nucleare. Personalmente sono contro il nucleare, ma in un ottica di studio e di una tendenza alla ricerca di fonti energetiche rinnovabili, potrei anche tollerare una qualche centrale nucleare. Sono tendendenzialmente contro il nucleare perchè le radiazioni non le vedi, non le senti, non hanno ne colore ne odore. Anni fa il mio amico pompiere che lavora a Villanova prestava servizio nella sala operativa di un grosso comando VVF del nord italia. Ebbene, una sera verso le 23.oo arrivò una richiesta da Roma di intensificare (la richiesta era diretta a tutti gli enti che effettuano o hanno apparecchi per il controllo radiomentrico) i controlli in un area di confine di stato ben delimitata. Al mio amico la cosa suonò strana proprio per l’orario e per il fatto che da subito il fax venne preso in consegna da un funzionario e nulla più nulla fu fatto trapelare. Perchè allora arrivò quella richiesta? Forse che oltre confine c’era stato qualche problema? Nulla trapelò sui giornali (notizie dall’estero)…. Tu che (mi par di capire) sei del ramo, puoi ipotizzare una risposta che non sia quella che ci siam dati io e il mio amico pompiere e cioè di un qualche piccolo incidente oltre confine? …e del container radioattivo parcheggiato nel porto di Genova che ne dici? …quante “lastre” avran fatto i marinai che l’han trasportato e i portuali che l’han movimentato? Cmq tornando ai politici ormai tutti impresentabili, rimango dell’idea che le alternative siano due: o l’astensione del voto o il movimento 5 stelle. Ho comunque la mente aperta alle riflessioni e se tu mi fai qualche nome su cui riflettere son ben disposto a valutare i tuoi suggerimenti.

  3. folgore
    Scritto da folgore

    @grilloparlante
    sul fatto che non ci siano alternative hai pienamente ragione ma Grillo da persona che sosteneva poche cose bene e argomentandole è diventato un urlatore che fa da cassa di risonanza ai problemi nostri.
    Se sei come me che si deve sudare la pagnotta che deve arrivare a fine mese fare la spesa, muoversi per andare al lavoro ecc sai benissimo i problemi, la crisi, il costo dell’energia, l’ambiente ecc, non ho bisogno di lui che lo ripeta ai 4venti, ho bisogno di uno che mi dia una soluzione argomentandola.
    L’energia è cara, il petrolio costa e inquina occore un’alternativa, non mi serve uno che dica il nucleare è pericoloso il solare è il futuro, mi serve uno che mi presenti i costi, un bilanciamento energetico serio, che parli di nucleare sapendo le cose non per sentito dire o per terrorizzare la gente, perchè è svilente per chi come me ci lavora e ci ha studiato una vita!
    Mi serve uno che dia delle prospettive non che demoralizzi la gente dicendo quel che non va.
    Capisci cosa intendo?

  4. Scritto da grilloparlante

    @folgore. Dici cose plausibili riguardo alla demagogia ma io guardo anche a ciò che di oggettivo e riscontrabile c’è stato da parte degli eletti del movimento 5 stelle e già il fatto che han rifiutato i rimborsi elettorali (finanziamento ai partiti) mi fa ben sperare…in ogni caso poi, non vedo nel panorama politico italiano una figura meritevole di fiducia o meglio un politico che abbia il coraggio di dire che il primo taglio da fare è quello dei costi della politica. Non so se hai visto annozero ieri sera, io per puro caso ho visto il pezzetto con l’intervista a Grillo, come si fa a non condividere ciò che a detto? Poi magari tra 20 anni scopriremo che era veramente pura demagogia, come quella di Bossi che insultava Roma ladrona ma poi per dare uno stipendio (un lauto stipendio) al suo pargolo incapace, ha pensato bene di portarlo in politica. Nel frattempo non essendoci alternative io do fiducia al movimento 5 stelle…poi vedremo.

  5. folgore
    Scritto da folgore

    @grilloparlante
    no no io non sono assolutamente un adepto dell’uomo di Arcore, sono a destra coem idee ma politicamente indifferente anzi schifato dalla politica.
    Ti dirò all’inizio lo apprezzavo Grillo, ma legendo il suo forum leggendo le sue idee su argomenti di portata tecnica e sociale pesante mi sono reso conto di come anche lui sia un capopopolo senza un minimo di preparazione
    Fa molta demagogia, ma da poche soluzioni, e per soluzioni non intendo mugugni o proposte generiche, vedi l’energia, la soluzione sua è no a l nucleare si al solare, e non mi pare uno su cui fare affidamento.
    Vorrei un politico che sia anche tecnico che argioni con i numeri e non con le parole e gli aggettivi che non faccia propaganda di bassa lega aizzi le fole ma poi non sia in grado di metterci la faccia e supportare con dati incontrovertibili le sue tesi.