IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incidente di Robert Kubica: a rischio braccio destro, in arrivo la famiglia foto

Andora. Robert Kubica rischia di perdere la completa funzionalità della mano e del braccio destro. E’ quanto ha annunciato il manager del team automobilistico Davide Morelli, all’esterno della sala operatoria dell’ospedale Santa Corona dove il pilota è sotto i ferri. “Non ci sarà un’amputazione totale dell’arto”, come invece in un primo tempo si prevedeva, ha chiarito. Intanto, è in arrivo la famiglia del ventiseienne pilota.

Il dottor Riccardo Ceccarelli, responsabile del team medico della scuderia di Kubica, e il professor Igor Rossello, specialista in chirurgia della mano, sono impegnati nella delicata operazione sul pilota polacco, stamane al centro di un terribile impatto nel rally Ronde di Andora. L’operazione che è tuttora in corso al Santa Corona di Pietra Ligure terminerà intorno alle 20.

L’auto di Kubica si è schiantata contro la cuspide di un guardrail dopo circa 4 km e mezzo dalla partenza, nell’area di Testico, tra i tornanti delle alture andoresi. “Non si può mai essere sicuri. E’ una gara difficile”. Così lo stesso corridore poche ore prima dell’incidente. Il pilota polacco aveva familiarizzato con la vettura, la Skoda Fabia S2000, al suo arrivo nel ponente savonese, ma aveva sottolineato: “E’ una macchina diversa da tutte le altre”.

Lo schianto con la barriera metallica a bordo strada ha sfasciato fronte e fiancata dell’auto, tanto che i vigili del fuoco, per estrarre gli occupanti, hanno dovuto rimuovere il motore. Illeso il navigatore Jacub Gerber. Lo stesso Gerber ha riferito che “Kubica è rimasto cosciente, poi ha perso i sensi e si è risvegliato un paio di volte, senza avere cognizione di quanto è successo”.

In base ad alcune indiscrezioni l’incidente sarebbe stato provocato dall’asfalto viscido e da un rialzamento dello stesso asfalto dovuto alla radice di un albero. La Skoda avrebbe perso aderenza in curva, girandosi di 80 gradi e finendo con la fiancata sinistra contro la cuspide del guardrail.

Secondo prime informazioni, l’autorità giudiziaria vuole accertare se alla base dell’incidente avvenuto stamani vi sia stato un guasto o un problema di origine meccanica oppure soltanto uno slittamento dovuto alle condizioni del sedime stradale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.