IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Garlenda: dal 1° marzo al via nuovo sistema di raccolta dei rifiuti

Più informazioni su

Garlenda. Dal 1° marzo anche sul territorio comunale di Garlenda prenderà avvio il nuovo sistema di raccolta rifiuti denominato “porta a porta spinto” con tutte le tipologie di rifiuto, raccolte casa per casa. Una svolta epocale, in cui tutti i tradizionali cassonetti verdi stradali verranno eliminati, con la sola eccezione delle campane per il vetro e le lattine.

Nei giorni scorsi tutti i cittadini di Garlenda hanno ricevuto un opuscolo che annuncaiva l’avvio del nuovo sistema di raccolta rifiuti e nei giorni di Venerdì 25 e Sabato 26 Febbraio dalle ore 10.00 alle ore 18.00 presso il Palazzetto dello Sport, la Ditta Ideal Service ha ricevuto i cittadini e i residenti per consegnare i kit per la raccolta dei rifiuti. Con il nuovo sistema è stato anche esteso l’orario di apertura dell’Isola Ecologica a quattro giorni la settimana.

Si tratta di un cambiamento importante, che allinea Garlenda a molti altri Comuni e che è motivato dalla necessità di migliorare il servizio e soprattutto dare maggior decoro al territorio comunale, correggendo modalità errate di conferimento che negli ultimi anni erano in costante aumento nonostante i numerosi sforzi compiuti dall’amministrazione comunale per contrastare il fenomeno dei cosiddetti ecofurbi.

Il passaggio al porta a porta spinto non solo permetterà al Comune  di risolvere i problemi di decoro urbano, ma consentirà anche una gestione dei rifiuti più comoda e consona alle esigenze di ogni famiglia, che avrà a disposizione il pratico calendario  con tutte le indicazioni sui giorni e le modalità di conferimento nei contenitori che verranno consegnati ad ogni utenza. Il principio è quello di ridurre, recuperare, riciclare instaurando un processo di miglioramento della qualità della raccolta differenziata.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Il solito assurdo sistema che di fatto riduce drasticamente il quantitativo di rifiuti raccolti (con un considerevole aumento dei costi) ….. segnatevi il quantitativo di rifiuti raccolti nel 2010 …. e confrontatelo con il quantitativo raccolto il prossimo anno ,,, ne vedrete delle belle.

    Poi segnatevi i quantitativi di differenziata (NON le percentuali) confrontateli con i quantitativi della nuova gestione ….

    Fate questi controlli prima di tornare a votare ….

    Controllate i quantitativi raccolti nei comuni vicini …. nei loro cassonetti si riverseranno i rifiuti giornalieri (non piu’ differenziati) di chi ha del lavoro da svolgere oltre che mettersi a disposizione di chi recupera l’immondizia.

    Un consiglio ….. fatela centralmente la differenziazione …. cosi’ si elimina la disoccupazione e chi viene in Italia per lavare i vetri delle auto …. o per delinquere avra’ una certezza …. un lavoro sicuro (e non troppo costoso) …… quando siamo usciti dalla prima guerra mondiale per entrare in crisi … qualcuno si invento’ la costruzione dell’Idroscalo a Milano … e di gente che desiderava solo un lavoro … ve ne era tanta ….. la terra in esubero …. contribui’ a realizzare quella massicciata che gira intormo a Milano con i binari del treno.

    Insomma si penso’ a trovar lavoro alla gente impegnatevi in questa direzione senza caricare chi gia’ un lavoro lo ha di nuove incombenze ….. oppure …. fatevi da parte e lasciate lavorare i privati senza intromissioni delle amministrazioni alla ricerca solo di una “percentuale” di differenziata alta ….. senza tener in alcun conto il volume di raccolta..