IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Furti d’auto e in appartamento, due albanesi a giudizio: patteggiano

Savona. Erano accusati di aver messo a segno una quindicina di furti e, nel settembre scorso, erano finiti in manette. Ora due albanesi Gentyan Hasani, 28 anni, e Krestnik Lika, 36 anni, entrambi irregolari sul territorio italiano, hanno patteggiato davanti al gup Fiorenza Giorgi, al termine dell’udienza preliminare, una pena di due anni e 800 euro di multa. Condanna che i due albanesi, che dovevano rispondere dell’accusa di furto aggravato in concorso, hanno però convertito con una sanzione amministrativa: un’espulsione di dieci anni dallo Stato italiano.

Insieme a loro a giudizio era finito anche un terzo connazionale, Ilir Hasani, del ’74, ma nel corso dell’udienza la sua posizione è stata stralciata e gli atti sono stati trasmessi al pubblico ministero per valutare un’istanza di patteggiamento.

Secondo l’indagine che era stata condotta dai militari i Gentyan Hasani e Krestnik Lika, che risiedevano in un appartamento di Vado Ligure (base operativa), sono i responsabili di 15 furti in appartamento, tre furti di auto ed uno di un ciclomotore Piaggio, oltre a due tentati furti. Tutti episodi che hanno riguardato il savonese ma anche l’imperiese dal luglio dello scorso anno.

Gli albanesi, considerati veri professionisti del furto, erano stati intercettati sulla via Aurelia a Savona, dopo che avevano messo a segno l’ultimo colpo a Borghetto Santo Spirito. Nella loro auto, una Mercedes scura, già segnalata più volte ai carabinieri, era stato rinvenuto del denaro contante.

I carabinieri dopo l’arresto erano anche riusciti a risalire alle tre auto rubate: una Mini Couper rubata a Borgetto Santo Spirito, una Fiat Punto rubata a Celle Ligure e una Bmw rubata a Spotorno. La mappa geografica della serie di furti messi a segno dai due albanesi è così composta: 4 a Borghetto Santo Spirito, 3 a Spotorno, 4 a Loano, 1 a Ceriale, 1 a Pietra Ligure, 1 a Celle Ligure e uno a Diano Castello. I due tentativi di furto sono invece avvenuti ad Ortovero e San Bartolomeo al Mare. Gran parte della refurtiva è stata recuperata dagli uomini dell’Arma: si tratta di oggetti preziosi e prodotti elettronici di vario genere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Giudice
    Scritto da Giudice

    Mi associo a lui la plume. Basta con la clemenza con questa gentaglia che viene illegalmente nel nostro paese a rubarci quel poco che abbiamo risparmiato !!!

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Ma che razza di condanna …. ad un clandestino … l’espulsione per dieci anni?

    clandestino era e clandestino rimarra’ ….

    Bisogna darsi una svegliata e prendere accordi con il paese di origine la condanna la sconta li da loro …. in quelle belle celle tipiche della localita’.

    E l’espulsione …. e’ in piu’ …. e se lo ritroviamo in zona …. bisogna prendersela con il paese di origine che doveva tenerselo stretto.