IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finanziamento Piattaforma, Caviglia: “Grande tristezza sul piano della democrazia”

Vado Ligure. “Sono molto amareggiato, oggi è un giorno di grande tristezza sul piano della democrazia”. E’ il commento del sindaco di Vado Ligure Attilio Caviglia, raggiunto telefonicamente da IVG.IT, nel commentare la notizia dell’inserimento nel decreto Milleproroghe del Governo di uno stanziamento di 150 milioni di euro per il progetto Maersk.

“Alla delusione della notizia in sè si aggiunge il prendere atto che tale provvedimento è stato spinto dal partito della Lega Nord che proprio durante le scorse elezioni regionali aveva fatto propaganda nel nostro territorio affermando la sua contrarietà al progetto Maersk” ha aggiunto il primo cittadino di Vado Ligure.

“Rattrista il fatto che il governo non ha mai voluto confrontarsi con gli amministratori locali e con la comunità vadese rifiutando di ascoltare le motivazioni del comprensorio legate non solo a problematiche di tipo ambientale ma anche di ordine economico. In Italia ogni giorno si legge l’annuncio della costruzione di nuove piattaforme portuali, mi chiedo dove andranno a finire tutti i container e soprattuto mi stupisco del fatto che anche a Vado Ligure sia totalmente assente una strategia di gestione della piattaforma” prosegue Caviglia.

“Con questa decisione è stata schiacciata totalmente la volontà dei cittadini che da anni ribadisce il no a questa piattaforma, il volere popolare è stato calpestato in maniera brutale soprattutto se consideriamo l’esito delle consultazioni popolari”.

Sulla data di inizio lavori contrariamente a quanto dichiarato dal presidente dell’Autorità Portuale Canavese, il sindaco Caviglia afferma: “Non siamo a conoscenza di nulla, non appena ci comunicheranno una data sicuramente tramite i nostri avvocati chiederemo la sospensione lavori  portando avanti i nostri ricorsi al progetto. Attendiamo ora il parere del consiglio superiore dei lavori pubblici che entro febbraio dovrebbe pronunciarsi”.

“Sul piano del sistema viario come amministrazione non concederemo nulla, continueremo a batterci contro questa decisione nefasta soprattutto se consideriamo che questo intervento non avrà alcuna ricaduta per i vadesi in termini economici e occupazionali. Basti pensare al retroporto che non sarà nella Valbormida ma nell’alessandrino” ha concluso Caviglia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da juan

    VEDO CHE QUALCUNO RAGIONA E FINALMENTE I DISCORSI A SENSO UNIOCO CHE FANNO GLI PSEUDOAMBIENTALISTI NON FANNO PRESA PIU’ DI TANTO …NON SI PUO’ TORNARE ALL ETA’ DELLA PIETRA !!!! UN ALTRA COSA : IL SINDACO DI VADO VUOLE FARE IL PORTO PESCHERECCI AL POSTO DELLA PIATTAFORMA ???? MA IL PESCE DOVE LO PESCHIAMO??? IN CORSICA??? TUTTI A FARE I PESCATORI SUI PESCHERECCI ???UN LAVORO POCO DURO E BEN REMUNERATO ..DIFATTI OGGI TUTTI VOGLIONO FARE I PESCATORI PROFESSIONISTI , LA RICHIESTA E’ ALTISSIMA!!!ma fatemi il piacere!!

  2. folgore
    Scritto da folgore

    @hi-tech
    come sai qui non si tratta di progresso ad ogni costo semplicemente di lavoro, di sviluppo, nessuno vuole centrali fabbriche piattaforme cantieri navali e acciaierie ecc, purtroppo però non tutti possono vivere di turismo, lo sa bene finale che per quasi 100 anni ha avuto la piaggio.
    Vado consapevolmente liberamente o no non lo so , ma ha fatto una scelta di puntare sull’industria, ora non si può di punto in bianco dire chiudo tutto e divento turistica.
    Quinid o distribuiamo tutto sul territorio e quindi un’acciaieria a Loano, una centrale a vado, un cantiere bnavale a pietra ecc ecc oppure si concentra la produzione in un unico centro.
    Immagina se Milano decidesse di colpo di dire basta ampliamenti e fabbriche si chiude tutto, poi che facciamo? Veniamo tutti sotto casa tua e di chi sostiene la chiusura ad elemosinare uno stipendio?
    Qui si tratta di rendere fattibili le cose e non si risolve nulla con il muro contro muro, perchè se il resto del mondo e d’Europa avanza non vedo perchè noi dobbiamo restare indietro.
    Lo sai che l’acciaio lo compriamo al 70-80% dalla Germania? Non credo che le acciaierie là siano ad impatto 0 eppure le fanno, così come i porti le fabbriche e le centrali, carbone e atomo comprese!
    O in europa ci sono 300.000.000 di masichisti, o qui ci sono alcuni milioni di passami il termine luddisti che vorrebbero farci vivere all’età della pietra!

  3. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    ..pechè? sta scritto da qualche parte che la gente non puo’ cambiare idea e potrebbe volere un altro tipo di progresso per Vado? Se la coerenza prevede di perseverare negli errori ha ancora senso chiamarla così o piuttosto occorrerebbe cambiarle nome in “ottusità”?
    Perchè non fai un bel sondaggio JUAN, informale ma per farti un idea, di quelli che lavorano in porto per vedere se la pensanu tutti come te? Tu dici che non vuoi subire le sce,te delgi altri ma mi pare che dovranno essere glia altri a subire le sce,te dall’alto , senza che la realtà locale abbia avuto potere di autodeterminazione. Cioe’: sono tutti bravi a fare i bulicci con il sedere degli altri ( quelli di Vado)…

  4. Scritto da juan

    CARO FABIOLA HAI RAGIONE PIENA!!! tanti che lavorano oggi in porto sono contro la piattaforma , vi sono famiglie a portovado, dove sia marito che moglie lavorano in porto e sono contro il progetto, vie’ gente che lavorando in porto e in centrale o nelle altre fabbriche” inquinanti” del territorio vadese , oggi , si sono svegliati ambientalisti e sono contro tutto cio’ che e’ sviluppo! DIMMI CHE RAZZA DI COERENZA E’ SPUTARE NEL PIATTO DOVE HAI MANGIATO ALLA GRANDE PER 30 ANNI !!! ciao

  5. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Tutti quelli che propinano a piene mani pillole di saggezza all’uranio impoverito, che ci angusciano con il disco rotto del “progresso a tutti i costi , costi quel che costi” che si auto-connotano progressisiti nella declinazione piu’ palazzinara e craxista del termine, tutti questi qui … li farei trasferire a VADO LIGURE, poi.
    Immaginate per Vado solo realtà di progresso in questi termini e pensate alla riqualificazione della città SOLO in questi termini? …con piattaforma , raddoppio centrale& C. …? OK. Andate a viverci.