IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finalborgo, l’assessore Luzi su via Becchignolo: “Sanzionato titolare cantiere e diffidati i trasgressori” foto

Finalborgo. Non è vero che la gru in via Becchignolo è stata ignorata dall’amministrazione comunale. Questa la posizione dell’assessore all’urbanistica finalese Umberto Luzi, che vuole sgombrare il campo dalle polemiche sul cantiere nell’ex conceria di Finalborgo. Partendo da una premessa: “L’occupazione di suolo pubblico presso l’ex conceria in realtà è già oggetto, dal 2009, di procedimento per il recupero delle somme dovute, promosso dal Comune di Finale e attualmente pendente davanti al tribunale di Albenga”.

“Per quanto riguarda la gru – spiega l’assessore Luzi – non è stata ignorata dall’amministrazione: ricordo che, a fronte dell’omesso versamento dei canoni, la polizia municipale ha emesso a marzo dello scorso anno un’ordinanza di sgombero di suolo pubblico in via Becchignolo e via del Vicario, alla quale sono seguite istanze, da parte del committente, di minore occupazione. Queste ulteriori istanze sono state respinte ed il 14 gennaio scorso la municipale ha effettuato nuovo sopralluogo per la verifica dello stato dei luoghi, accertando il permanere di una residua occupazione su via del Becchignolo, per il mantenimento di una gru”.

La presenza irrisolta della gru è stata criticata da parte dell’opposizione e da un gruppo di residenti della zona, alle prese da tre anni con i disagi di un cantiere abbandonato. L’assessore all’urbanistica respinge le accuse: “Si è provveduto a sanzionare il titolare del cantiere e, nel contempo, a diffidare i trasgressori, compresi l’azienda noleggiatrice della gru, a liberare definitivamente il suolo pubblico, impregiudicato il diritto vantato dal Comune di ottenere il pagamento sino al termine dell’occupazione” precisa Luzi.

“Lo sforzo dell’amministrazione comunale è unicamente quello di riqualificare una zona del Borgo, nella quale vi era una conceria da anni abbandonata e degradata. L’opera, iniziata con l’abbattimento dell’immobile, potrà continuare unicamente in presenza della conformità urbanistica, da verificarsi a cura del Comune e Paesaggistica, la cui valutazione è di competenza della Commissione Locale del paesaggio e della Sovrintendenza ai Beni Ambientali della Regione Liguria” conclude l’assessore all’urbanistica.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.