IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Elisoccorso, Montaldo: “Sulla preparazione dei piloti intervenga il Ministero degli Interni”

Regione. L’assessore regionale alla salute Claudio Montaldo interviene nuovamente sulla vicenda del servizio di elisoccorso ligure, con diretto riferimento alle dichiarazioni espresse dall’Associazione Elicotteristica Italiana sul caso dell’Agusta Grand 109 donato dalla Fondazione Carige alla Regione Liguria e ancora fermo in un hangar.

“Come volevasi dimostrare. A questo punto la palla va al Ministero degli Interni che deve dire se i piloti dei corpi dello Stato hanno una preparazione almeno analoga a quella delle società private degli elicotteristi” dice Montaldo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Sai che tasto stai toccando (con l’ultimo post) caro Folgore..? Il dolente “tasto” dell’intra moenia intra e (PARADOSSALE…) EXTRA. Quando un politico propose quello che stai dicendo tu ora e invocava che il medico scegliesse la realtà dove volva SERVIRE CIOè “O DENTRO O FUORI” …la tacciarono di estremismo e si becco’ le ire di TUTTI. Sai chie era?…ROSI BINDI. Una persona che davvero ebbe il coraggo di dire quello che tutti noi pensiamo… Certo…se hai i soldi puoi pagare…. ma l’assistenza sanitaria è un altra cosa: NON LA SI COMPRA. SE NE FRUISCE IN REGIME DI ASSISTENZA COME RITORNO DELLE TASSSE CHE PAGHIAMO (chi le paga.).
    Lo sai chi è che paga?… pagano i poveretti che con 100 euro in tasca (gli ultimi) davanti alla signorina che dice loro che la lista di attesa è lunga, tirano fuori gli unici soldi che hanno e prenotsano a pagamento. I ricchi, invece nn pagano mai perchè sono quelli che fruiscono di piu’ del S.S.N. Occorre che funzioni meglio la sanità pubblica e poi che i privati facciano pure i soldi che vogliono ma FUORI dalla SANITA’ PUBBLICA E LONTANO DAGLI OSPEDALI . NOn per fare l’integralist ama l sai che già la faccenda dei medici di famiglia che cuccano i soldi dalla regione in convenzione (MUTUA) se analizzat abene …. traballa e puzza di intruglio???!!!! Ormai c’è e ormai i medici non ti visitano nemmeno piu’…. e il film di Sordi già allora rappresenta una triste realtà ancor oggi. Allora fu anche qualcosa in piu’ che un film comico….FU UNA GIUSTA DENUNCIA e rappresentò valori ETICI oltre che fare satira sanitaria….!!!!!!
    Ogni altra considerazion e se sia piu’ o meno legittimo che esista un regime di concorrenza privata, se sia opportuno che se uno ha i soldi possa fruire del meglio, etc etc sono tutte scuse per “infilare” nell’ AFFARE SALUTE logiche estranee al principio di assistenza dello Stato ma piu’ consone a consigli di amministrazioe e bilanci.

  2. folgore
    Scritto da folgore

    @lui la plume
    ho letto i suoi interventi concordo con i tempi biblici, con gli interventi più rapidi se si fanno privatamente ma lo sa qual è il vero motivo?
    Che un dottore non ha interessa a passare le 8 ore di lavoro da noi retribuite lavorando in ospedale, invece ne ha molto di più a passare 4-5 ore al giorno nel suo studio privato chiedendo 180-200 € per una visita.
    A me è capitato di dovermi rivolgere ad un dottore a Loano Salute, visto che la sua lista di attesa in ospedale era biblica, mi ha prescritto un eco, ovviamente con ticket perchè la macchina era “impegnata” una ricettina 10 minuti di visita 180€ le pare normale?
    Le pare normale che queste persone non utilizzino al 100% risosrse e materiali pagati da noi negli ospedali ma faccian fruttare al meglio quelli privati?
    Ad un dottore deve essere stabilito un onorario massimo e fisso per le visite extraospedaliere, così come un numero massimo di ore da dedicare a tali visite, per il resto è pagato per LAVORARE e far rendere AL MEGLIO la struttura pubblica!!!
    Mia nonna è dovuta ricorrere ad un intervento in una struttura privata perchè rischiava di non camminare più e ci volevano 9 mesi per l’intervento, privatamente una settimana, operata da medico anestesista e ferrista che finito il loro turno di lavoro in ospedale, hanno cambiato casacca e (gli stessi 3) sono andati nella clinica e l’hanno.
    Le pare normale? Quel tempo potevano dedicarlo ad operazioni in ospedale e snellire le liste di attesa!

  3. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Caro dumbofi

    Ormai la gente e’ stufa di nullafacenti …. le strutture pubbliche o private che non funzionano vanno semplicemente chiuse.

    Se rivolgendomi (per esempio) alla sanita’ per avere una prestazione che viene prenotata a distanza di mesi e mesi … bisogna passare la commessa ad altri e prepararsi a “chiudere” la struttura che pur costando uno sproposito non fa’ il suo dovere … perche’ chi vi lavora utilizza le apparecchiature solo mezza giornata.

    Vi sono dei parametri di resa …. di sfruttamento delle apparecchiature … (non delle persone) … questi parametri devono essere pubblicati … ed utilizzati per

    “licenziare” … chi spreca denaro pubblico non sapendo gestire cio’ che gli e’ stato affidato.

    Poi io vorrei che lo Stato si interessasse dei controlli non della fornitura del servizio … se fa’ le due cose assieme … finisce nel fastidioso conflitto di interessi.

    La buca che ci fa’ rovinare le ruote della macchina …. la deve vedere il “vigile” non il cittadino e “il vigile” (o come si chiama) deve multare l’amministrazione che avrebbe dovuto chiudere il buco.

    Oggi le amministrazioni pur di non fare il proprio dovere pagano enormita’ alle compagnie assicuratrici …. cosi’ se per loro negligenza qualcuno si fa’ male …. paga l’assicuratrice ed il funzionario “colpevole” la fa’ franca …. invece di beccarsi una condanna per omissione di servizio.

    Diamo una occhiata ai contratti assicurativi …… cosa prevedono e perche’ sono stati fatti ….

    No caro dumbofi …. vi e’ troppo Stato …. e lo Stato in eccesso opera male.

    I dipendenti pubblici devono essere “licenziati” se operano in modo scorretto.

  4. dumbofi
    Scritto da dumbofi

    @ luilaplume: non è rivolgendosi al privato che il pubblico nullafacente paga pegno. Ma se il pubblico mi rende un pessimo servizio e io mi ingegno per fargli il mazzo … allora la solfa può cambiare.

    @ hi-tech: a Montaldo ho già espresso i miei pareri (non richiesti). non vado oltre i post perchè la partita è grossa e, quindi le eventuali ritorsioni anche, diciamo che sono contento se un po’ di gente sente anche questa campana e passa parola.

  5. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Mi scuso per chi si sente offeso dal mio intervento ostile al servizio di sanita’ erogato dalle regioni in modi totalmente differenti.

    Sono entrato casualmente nell’ufficio di un burocrate della sanita’ (un piccolo responsabilino)
    mi volevo lamentare per aver pagato 22 euro e passa per una occhiata data da medico ad un esame … tre minuti scarsi comprensivi della parte burocratica (preminente) tra una visita e l’altra …. per dare un’occhiatina al referto.
    Sono entrato in un locale ben differente dal deprimente ambiente in cui sono stato “visitato”… nemmeno il presidente della multinazionale in cui ho lavorato per tanti anni si poteva permettere un lusso simile …..

    ecco dove finiscono i nostri quattrini …

    ben venga l’utile …. a chi lavora bene …. la dove la gente va’ a curarsi perche’ ben trattata.

    Certo …. in quelle strutture si guadagna … e allora?

    Caro hi-tech

    la sanita’ lombarda (cui mi riferisco …. ed alla quale mi rivolgo causa il decadimento che ha avuto quella ligure .. o meglio savonese …. negli ultimi due-tre anni)
    affida le cure a strutture pubbliche (un disastro) e private che funzionano molto bene.

    Io non ho i soldi per pagare queste cure …. pago il ticket come fai Tu (credo) il ticket e’ una vergogna …. se avessi meno di sessant’anni potrei fare una assicurazione privata che …. rimborsa il ticket… oltre i 60 non la fanno piu’ …. (vi deve essere un accordo con l’INPS).

    Il problema che cercavo di evidenziare e’ che il pubblico ti fa’ fare il giro degli specialisti prima di darti la cura di cui hai necessita’ ….. il privato prima ti toglie il dolore e poi fa’ gli esami del caso.

    Questo e’ cio’ che evidenziavo ….. sono certo che se venisse rispettata la legge che istituiva il ticket (o meglio lo spirito che ne ha accompagnato la nascita)

    una partecipazione alla spesa …. “UNA” partecipazione …. dove il malato si presenta e paga un ticket che lo accompagna fino alla guarigione …..

    se funzionasse cosi’ …. in modo assolutamente automatico tutte le costosissime consulenze che vengono richieste per passare dallo stato di malato a quello di guarito …. sparirebbero per incanto …. ed il primo medico … finirebbe con il curare l’ammalato come sa’ fare (quando opera da privato).

    Si annidano troppi parassiti nella struttura sanitaria …. probabilmente una generazione di persone che non ha faticato troppo per ottenere la laurea …….. ecco oramai ci sono … ma se li facciamo lavorare prima o poi imparano anche loro ….