IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Elezioni Savona, Udc ago della bilancia: “Per noi contano le priorità lavoro, famiglia, quartieri”

Savona. L’Udc è come l’ago della bilancia in questa fase preparatoria in vista delle elezioni comunali di primavera a Savona. Ne è consapevole il coordinatore provinciale del partito di Casini, Roberto Pizzorno, che esprime la linea: “Finché non sappiamo chi è il candidato sindaco del centrodestra ci riserviamo di fare valutazioni. Attendiamo che il Pdl esca allo scoperto. Puntiamo ad un’alleanza che duri, che rimanga solida e sia efficace per il bene della città, non ad un’avventura estemporanea. Ci interessa la condivisione sui nostri temi chiave: occupazione e famiglia, i due punti prioritari del nostro programma”.

Per il Berruti bis il centrosinistra conta di trasferire nel locale l’asse di fedeltà che lega a livello regionale l’Udc di Monteleone a Burlando. “Non siamo condizionati dalla situazione in Regione – spiega Pizzorno – in quanto è una realtà a sé. Non è nemmeno un problema la SEL, come qualcuno vuole fare intendere, perché già la coalizione di Burlando ha corso per le regionali insieme alla sinistra radicale. Per questo bisogna confrontarsi sui temi, sui punti programmatici anzitutto. E le urgenze per Savona riguardano il lavoro e la famiglia, autentiche voci che possono generare il rilancio dell’economia cittadina. Noi proponiamo di istituire un assessorato ad hoc alla famiglia, così da porre in essere servizi e assistenza, riqualificazione del sociale e aiuti al volontariato”.

Altra proposta dell’Udc è l’organizzazione di presidi di sorveglianza fuori dalle scuole. “L’idea – chiarisce Pizzorno – è quella di gruppi di pensionati e genitori che, in collaborazione con le forze dell’ordine, organizzino presidi all’esterno degli edifici scolastici, dando una mano nella prevenzione del crimine. Una forma di sicurezza in più per i ragazzi e di tranquillità per le famiglie”. Il coordinatore provinciale dei centristi, sottolinea inoltre “il ruolo delle periferie, che va riconsiderato”. “Nella scorsa tornata Berruti ha vinto con proposte per i quartieri – osserva – Senza circoscrizioni, questo argomento diventa più importante: bisogna mettere nel piano di governo cosa si vuole fare delle periferie, in particolare Lavagnola, Legino, Villetta, Santuario”.

Favorevole al progetto della Margonara, che lo distanzia da Rifondazione e Sinistra Ecologia Libertà, Pizzorno commenta: “Il progetto va realizzato per i vantaggi che porterà, ma si tratta di un fatto che riguarda l’Autorità Portuale anzitutto piuttosto che il Comune di Savona. Sono convinto invece che il piano del traffico sia da rivedere. In ogni caso, siamo contrari alla centralizzazione, alla concentrazione di tutto nel ‘salotto’ del centro, e ripetiamo che siamo per attuare politiche a favore dei quartieri”.

L’avvocato Paolo Marson, spinto dall’ex ministro Scajola a mettersi in gioco per Palazzo Sisto, non è ufficialmente il candidato del centrodestra. Almeno per ora. Ma sembra scontato che Pdl e Lega scommettano sulla sua professionalità. La “dote” dei voti moderati assicurata dall’Udc gli farebbe comodo, non poco. “Conosco Marson come assessore provinciale. Si può dire che per il centrodestra è un buon candidato. Ma questo non significa che possa essere anche un buon alleato” dice salomonico Pizzorno, che aggiunge: “Stiamo lavorando su tutti i fronti”. Non è comunque esclusa, sebbene poco probabile, una corsa in solitaria dell’Udc.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Aurelio Bianchi

    All’Udc non importa un fico secco della politica.
    Vogliono soltanto essere sul carro del vincitore e occupare qualche sedia.

    Famiglia e lavoro sono pallide fglie di fico, servono collocarsi nell’area cattolica.
    Malgrado questo, sono meno ipocriti di Rifondazione e Sel, e dicono chiaro e tondo che la Margonara va benissimo.
    Invece gli altri due fanno finta di averla affossata.
    Lo sanno anche le pietre che il mattone marino sarà protagonista della prossima amministrazione Berruti. E anche allora il pd potrà contare sui fratelli poveri, ma sempre fedeli.

  2. Scritto da dartagnan

    Più ci si avvicina alle elezioni più mi rendo conto del perchè le persone si allontanino sempre più dalla politica, a quanto pare si è leader solo se intervistati, se si appare, le idee, i progetti (quelli veri) per uscire dal pantano economico in cui Savona, città del nord si dibatte da anni, contano poco. Contano molto i tatticismi , le truppe cammellate (quelle che in campagna elettorale corrono da un comizio all’altro, sempre gli stessi), laprevisione di salire sul carro del vincitore per agguantare un posto di governo o di sottogoverno, del resto chi se ne frega, chi se ne frega se Savona è cara come altre città del nord e offre prospettive di lavoro come altre città del sud.

  3. Scritto da Biagio MURGIA

    AZZ…….James Bond……. mi hai letteralmente tolto le parole dalla tastiera………..Infatti quando uno è ago della bilancia, come si definisce l’UDC, vuol dire che chi dà più poltrone vince……Mamma mia….questo si che è attaccamento alla politica (anzi alla poltrona) con il super atak, però……..

  4. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Da qualche parte dovrei avere un reperto storico … una bilancia meccanica con due piatti e tanti pesini in metallo …. si mette qualcosa su un piatto e lo si pesa con i pesini …

    Acc.. nel leggere la notizia mi viene in mente che i pesini piu’ piccini si sono persi ….
    beh … si puo’ farne a meno ……..

  5. james bond
    Scritto da james bond

    …ok…tradotto dal politichese l’UDC è in vendita: chi offre più poltrone?
    Che tristezza vedere il glorioso simbolo della DC finire così… :-(