IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Don Lu giudicato colpevole: condannato a 7 anni e 8 mesi di reclusione foto

Alassio. Colpevole e condannato a 7 anni e 8 mesi di reclusione. Questa la pena inflitta in primo grado a don Luciano Massaferro, il sacerdote di Alassio accusato di abusi sessuali su una minorenne della sua parrocchia. Il collegio giudicante composto dai giudici Zerilli, Rossi e De Dominicis ha aggravato la richiesta di condanna avanzata dalla pubblica accusa (pm Alessandra Coccoli e Giovanni Battista Ferro), che aveva proposto sette anni e mezzo.

“Don Lu” è stato inoltre interdetto perpetuamente dall’esercizio dei pubblici servizi e dei servizi a fini educativi. E’ stato inoltre disposto un risarcimento di 180 mila a beneficio della bambina e di 10 mila alla madre della stessa. Il sacerdote era stato arrestato nel dicembre del 2009 con un addebito come un macigno: aver abusato di una ragazzina di 12 anni, almeno in tre momenti diversi. Molti parrocchiani si erano stretti intorno al loro pastore in segno di solidarietà, con manifestazioni pubbliche di vicinanza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da freeholly9

    esatto sally…se quel cristo potesse scendere da quella croce e tornar indietro….altro che una chiesa…

  2. Sally De Vasquez
    Scritto da Sally De Vasquez

    condannato x non fare perdere la faccia agli inquirenti?!Giasone,scusa,ma…ci sei o ci fai?Le prove hanno dimostrato un turpe caso di pedofilia continuata e aggravata,ringraziamo i giudici x il loro lavoro ostacolato in molti modi dall’ottusità bigotta.Credo che lo stesso Gesù scenderebbe da quella croce dietro la quale vi nascondete e andrebbe a fare una carezza alla povera bambina…

  3. Scritto da mamy67

    Arriverà l’appello… E se per caso gli faranno un sconto di pena (grazie al nostro codice di procedura penale) dovremmo ingoiare amaro.
    Se la pena ora non sembra esemplare, ricordiamoci che i giudici applicano la legge: probabilmente il massimo previsto per quel reato non sarà nemmeno congruo.Ma la colpa in questo caso è di chi fa le leggi.
    Se in appello riuscirà ad ottenere un’assoluzione (e spero ardentemente di no, ma a volte è tutto rimesso alla bravura degli avvocati o a cavilli di procedura) ricordate che”PRESCRIZIONE” e “MANCANZA O INSUFFICIENZA DI PROVE” non significano non aver commesso il fatto.
    Le prove sono agli atti processuali: i giudici (tre del Tribunale, un Gip prima, un PM prima ancora) hanno lavorato per raccogliere ed esaminare le prove.
    I parrocchiani leggono solo i giornali e si fanno incantare da una predica.
    Dimenticavo: ci sono stati anche diversi periti e testimoni: tutti fuori di testa?
    Parrocchiani di Don LU: SVEGLIATEVI!
    Perché non organizzate una fiaccolata perché venga cacciato dalla Chiesa?
    Una bella clausura, senza computer (c’è il rischio di pedofilia on line) e tanto tempo per riflettere e chiedere perdono a Dio e al mondo in terra.
    Questa potrebbe essere la condanna della Chiesa.

  4. Sally De Vasquez
    Scritto da Sally De Vasquez

    hai ragione,Bandito,anch’io temo che quest’uomo(?) nuocerà ancora,probabilmente nascosto sotto un ombrello di sacra omertà… per simili reati ci vuole l’ergastolo.Pirata,che dire,per una volta…sono assolutamente d’accordo con te,soprattutto per quanto riguarda l’uso delle fiaccole…molto creativo!Bravo!

  5. Scritto da giasone

    non ho mai speso parole in difesa di don luciano che non conosco assolutamente ma in questi mesi ho avuto modo di ascoltare alcuni suoi parrochiani pro e contro, forse tutta la verità non è venuta a galla in fondo la sentenza era stata scritta il giorno dell’ arresto o prima ancora la condanna in primo grado era necessaria per non far perdere la faccia agli inquirenti