IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alluvione, Chiesa: “Se arrivano i fondi risolviamo le somme urgenze”

Regione. Il consigliere regionale Ezio Chiesa (Gruppo Misto) è soddisfatto delle risposte fornite dall’assessore all’Ambiente Briano in seguito all’interrogazione presentata stamani in Consiglio Regionale in merito ai finanziamenti ai Comuni del Tigullio per fare fronte ai danni alluvionali.

“Se attraverso il decreto ‘mille proroghe’ otterremo i 100 milioni di euro promessi dal Governo riusciremo a fare fronte alle somme urgenze che i Comuni sono stati costretti ad attivare per garantire la sicurezza delle strade e l’incolumità dei cittadini”. Ha risposto l’assessore Renata Briano.

L’assessore ha ricordato che dal 4 ottobre ai primi di gennaio 2011 i danni subiti in Liguria, in tutti i comparti, ammontano a circa 300 milioni di euro, mentre le somme urgenze presentate dagli enti locali sono pari a 34 milioni di euro che hanno finito per mettere in ginocchio molti Comuni.

Chiesa ha ribadito l’importanza del ripristino ambientale per disporre la messa in sicurezza le zone colpite. “Negli ultimi tempi il territorio dell’entroterra è stato soggetto al fenomeno delle franosità – spiega – non tanto determinato da eccessive cementificazioni e costruzioni, bensì dall’ evento delle ‘piante morte’ piegate dal vento che, a causa dell’infiltrazione dell’acqua, finiscono per fare franare interi versanti con conseguenti danni”.

Chiesa ha inoltre ricordato come gli interventi calamitosi degli ultimi mesi abbiano suscitato sgomento e allarme nella popolazione e costretto i Comuni a finanziare costosi investimenti nonostante la carenza delle risorse a disposizione.

“Le forti piogge hanno messo a dura prova – ha concluso Chiesa – il territorio di numerosi Comuni del Tigullio e Golfo Paradiso, causando milioni di euro di danni, con chiusura di strade e l’attivazione di vasti movimenti franosi, costringendo i sindaci all’emanazione di somme urgenze per la tutela dell’incolumità pubblica e il ripristino delle arterie di comunicazione. Non a caso il Consiglio Regionale ha approvato all’ unanimità un ordine del giorno presentato dal sottoscritto per sollecitare il Governo a predisporre gli opportuni finanziamenti che, a quanto sembra, dovrebbero arrivare dal decreto ‘mille proroghe’ attraverso una serie di emendamenti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.