IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Comunità del Giovo: Giusvalla il Comune più virtuoso per la raccolta differenziata

Liguria. Secondo quanto riferito dalla Comunità Montana del Giovo, il comune più virtuoso in termini di rifiuti è Giusvalla che nel 2010 ha prodotto il 31,64% di raccolta differenziata. Segue Sassello con 19,82, Urbe con 18,11% e Mioglia con 16,83%. Fanalini di coda sono Pontinvrea con 14,69% e Stella con 10,66%.

“Questi dati rappresentano una situazione che per il 2010 sembra delineare un netto miglioramento, ancora più marcato se si considera l’ulteriore contributo aggiuntivo dovuto alla diffusione del compostaggio domestico, pratica attraverso la quale ogni Comune beneficerà di un “surplus” di Raccolta Differenziata (Previsto dalla Regione Liguria attraverso DGR 547/2008). Particolarmente significativo è il risultato di Giusvalla che ha più che raddoppiato le quote rispetto al 2009, passando da poco meno del 15% ad oltre il 30% nell’arco di un solo anno.Nonostante il trend positivo, tuttavia, lo scenario resta sempre al di sotto rispetto a quanto voluto dalla normativa di riferimento, per queste ragioni la Comunità Montana del Giovo sta proseguendo, anche nel corso del 2011, il percorso intrapreso, sia rafforzando le iniziative già in corso, sia adottandone di nuove, forte dell’esperienza maturata nel corso degli anni” scrive in una nota la Comunità montana del Giovo.

Tra le principali azioni portate a conclusione nel 2010 vi sono la distribuzione sul territorio di circa 130 nuovi cassonetti per la raccolta differenziata di carta e plastica, la comunicazione e sensibilizzazione del cittadino sul tema dei rifiuti, l’organizzazione di 16 serate durante le quali sono stati effettuati altrettanti corsi, curati da specialisti e tecnici del settore, rivolti alla popolazione sulla raccolta differenziata, l’acquisto e consegna in comodato d’uso gratuito, a partire dal mese di settembre, di circa 150 nuove compostiere agli iscritti negli appositi albi comunali e la distribuzione gratuita a cittadini e commercianti di buste per la spesa in tela, riutilizzabili e riciclabili, al fine di contribuire al definitivo abbandono degli shoppers in plastica tradizionale. Infine la promozione di Eco feste ed Eco sagre, realizzate adottando criteri di raccolta e smaltimento differenziato dei rifiuti prodotti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Resist

    Coraggio….avanti così!!
    I piccoli Comuni dell’interno dovrebbero facilmente arrivare all’80% di differenziata.
    I cittadini ne avranno grandi vantaggi sotto il profilo economico e ambientale.