IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cna Savona, ritardi dei pagamenti: pubblicata la direttiva UE

Più informazioni su

Savona. E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea la Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 febbraio scorso, relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

La direttiva entrerà  in vigore il prossimo 15 marzo e  il testo fissa come termine di recepimento il 16 marzo 2013.  In sintesi, le nuove disposizioni della direttiva comunitaria prevedono che gli enti pubblici devono pagare entro 30 giorni (o – solo in circostanze del tutto eccezionali – entro 60 giorni) i beni ed i servizi che hanno acquistato dalle imprese. Le imprese devono regolare le fatture entro 60 giorni, a meno che non abbiano espressamente concordato altrimenti e ciò non costituisca una condizione manifestamente iniqua.  Le imprese hanno il diritto di  esigere il pagamento degli interessi di mora  e di ottenere altresì un importo fisso minimo di 40 euroa titolo d’indennizzo dei costi di recupero del credito. Esse potranno comunque esigere anche il rimborso di tutti i costi ragionevoli incorsi a tal fine.

Il tasso di legge applicabile agli interessi di mora viene aumentato e portato ad  almeno 8 punti percentuali  al disopra di quello di riferimento della Banca centrale europea. Non è consentito agli enti pubblici fissare tassi inferiori per gli interessi di mora.

“Per le imprese diventa più facile contestare in tribunale termini e pratiche manifestamente inique. Viene garantita una maggiore trasparenza: gli Stati membri  saranno infatti tenuti a pubblicare i tassi applicabili agli interessi di mora, rendendoli così più accessibili per le imprese. Gli Stati membri vengono incoraggiati a redigere codici di pagamento rapido ed hanno la facoltà di mantenere o adottare leggi e regolamenti contenenti disposizioni più favorevoli ai creditori rispetto a quelle stabilite dalla direttiva. Ora non ci sono più scuse per i ritardi: occorre che il Governo Italiano si affretti a recepire tale normativa rendendo giustizia al bisogno delle imprese italiane di veder saldati i loro crediti con tempi di pagamento che siano nella media europea e non in quella vergognosamente alta del nostro Paese” scrive Gianni Carbone, segretario provinciale Cna Savona.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.