IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cairo e ampliamento Tirreno Power, Briano: “Valorizzare l’indotto, ferme restando le esigenze ambientali”

Cairo Montenotte. Il sindaco cairese Fulvio Briano risponde ad alcuni iscritti del Pd che lamentano un “atteggiamento bifronte”, contestando al primo cittadino l’invio di una lettera in Regione e al segretario provinciale Di Tullio sullo scottante argomento dell’ampliamento della centrale di Vado Ligure.

“Fermo restando quanto espresso nella posizione dell’amministrazione – spiega Briano – Ho voluto porre attenzione sulle aziende valbormidesi che vivono sul significativo fatturato di Tirreno Power. Come ho chiaramente espresso nella lettera, questa necessità di attenzione non contrasta con le ragioni ambientali che, e l’ho scritto, devono essere rigorose e che sono irrinunciabili”.

“Sono convinto – osserva Briano – che la Regione debba riservare attenzione all’industria e al terziario valbormidese e, quindi, alle imprese che dipendono sotto il profilo produttivo e occupazionale dai numeri di Tirreno Power. Non vedo cosa ci sia di allarmante nell’evidenziare l’importanza dell’indotto valbormidese e segnalare nello stesso tempo l’importanza della qualità della vita nel territorio vadese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cairesedoc

    Penso che si debba fare una riflessione anche sulla cokeria cairese, e sul ruolo presente e futuro delle funivie.
    E’ significativo che siano rimaste soltanto loro.

    Quindi il discorso sull’ambiente e sulla salute, andrebbe visto in un ambito più ampio.

    L’esternazione di Briano si inquadra in una scelta precisa, e si accoda diligentemente ai progetti portati avanti in sedi più importanti, sul futuro della valbormida e del savonese.

  2. Scritto da garincha

    A quanto mi risulta non è (purtroppo) tutto così chiaro come scrive meravigliao. Nel senso che la rete dei controlli non è così capillare. E’ senz’altro migliorabile da quanto leggo sui giornali. Sullo studio epidemiologico, quello che meravigliao sembra non capire è che se desse risultati fortemente negativi, non sarebbe giusto aggiungere ulteriori carichi ambientali su un territorio che deve già sopportare una cattiva qualità della vita. Cerco di essere ulteriormente più chiaro, se si trovasse un alta mortalità per tumori alle vie respiratorie o alla prostata sarebbe giusto peggiorare la qualità dell’aria. Infine, faccio ancora una domanda. I parchi carbone di Vado sono coperti? Perché la copertura dei parchi carbone è un obbligo di legge.

  3. Scritto da meravigliao

    x gilmar. L’AIA può anche dire quello che dici tu, ma non penso (nella mia ignoranza), che valga di più delle leggi sulle emissioni dello stato italiano! Se la tirreno power non supera i limiti di emissioni non si puo dire che sia fuori legge! o sbaglio??? L’emissioni a quanto ne so vengono monitorate 24 ore su 24 e sono a dispozione delle pubbliche autorità, e nel caso la centrale superasse le emissioni avrebbero il compito di fermare i gruppi perchè previsto dalla legge! Se questo non succede, probabilmente la centrale non è fuori legge. Poi hai ragione che lo studio epidemiologico non si fa su un’azienza ma sul territorio, però il problema, è che le colpe ricadono solo su un’ azienza e non su tutte le aziende del territorio!

  4. Scritto da gilmar

    x Meravigliao, la risposta è banale perché l’AIA (autorizzazione integrata ambientale) obbliga a utilizzare la miglior tecnologia possibile per ridurre le emissione e a quanto sembrerebbe i gruppi 3 e 4 non avrebbero tale requisito. Poi sulle emissioni non ho pareri così unanimi come i tuoi. Lo studio epidemiologico va fatto su un territorio, non su un’azienda. Se su quel terittorio risulta evidente che ci siano problemi per la salute è chiaro che non possa subire ulteriori carichi ambientali
    x cairesedoc: è chiaro che Briano sia un ambizioso attento alla carriera politica. Non ci sarebbe nulla di male in tutto ciò. Solo che, oltre che coltivare le proprie ambizioni, dovrebbe anche darsi da fare per il suo territorio …

  5. Scritto da cairesedoc

    x gilmar
    il sindaco di Quiliano è un’ottima persona che è attenta alle problematiche del suo paese.
    Ce ne fossero di sindaci così!

    Non dimenticare la vicenda Nordconad!
    Il nostro sindaco, Briano, ha dichiarato di “aver seguito personalmente” (manco fosse Obama) la pratica, ma “purtroppo” ha appreso dai giornali che era stata scelta Quiliano!!!!!!!!
    Che cosa seguiva “personalmente”?