IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Basket: dopo il successo sul Varese la Tirreno Power va in trasferta a Monza

Quiliano. Domenica scorsa, davanti ad una grande cornice di pubblico, nel palasport di Quiliano è andato in scena un grande spettacolo tra la Tirreno Power Riviera e la Utensili Abc Varese. Il match è stato vinto dai vadesi con il punteggio di 74 a 72 che hanno così riscattato la prima sconfitta stagionale, maturata otto giorni prima.

Fabrizio Garbosi, allenatore dell’Utensili Abc Varese, a fine gara dichiara: “Questa partita è stata la dimostrazione che i due posti occupati in classifica sono meritatissimi, sia quello di Vado che il nostro. Oggi loro sono stati primi solo nel risultato finale. Considerata un’assenza importante nel nostro quintetto quale quella di Filippo Rovera, direi che avremmo meritato la vittoria”.

“Loro non si aspettavano delle situazioni tattiche sui cambi difensivi dei blocchi e che giocassimo con i due lunghi di ruolo in campo per così tanto tempo che ci hanno dato molto soprattutto in difesa ma anche in attacco, non segnando loro ma creando dei punti realizzati da altri giocatori – interpreta il coach varesino -. Dal punto di vista nostro, ci hanno messo in difficoltà i cambi di ritmo nei momenti decisivi del secondo quarto e del finale, quando hanno preso quei sei punti di vantaggio con due bombe di fila realizzate. Hanno difeso poco a zona, noi praticamente niente. Ottima la partita del loro nuovo acquisto che in chiave di regia ha dato profondità alla panchina ed è stato fondamentale”.

“E’ stata una battaglia, come ci si aspettava – afferma l’allenatore del Riviera Marcello Ghizzinardi -. Non so se sottolineare di più la grande reazione dal – 18 o invece rimarcare la partenza a rilento, la terza consecutiva, per cui penso occorra farci una riflessione serena, perché non si può approcciare le partite in questo modo. Quando facciamo fatica a fare canestro da fuori con tiri buoni, allora ci spaventiamo un po’ e in difesa non abbiamo la stessa cattiveria ed intensità che invece dovremmo mettere per superare il momento poco lucido in attacco. Io mi aspetto tutto da Varese, non è una sorpresa perché ultimamente giocavano parecchi minuti con dei rookies, in più, non avendo oggi Filippo Rovera e Premoli, che di solito fa il giro e dà il cambio ai lunghi, noi dovevamo fare il cambio degli esterni per cui questa sofferenza non è stata inaspettata. Varese è una signora squadra ben allenata, per cui non è una sorpresa che ci abbia messo in difficoltà”.

Riguardo al neo acquisto, Ghizzinardi dichiara: “Sottana ha approcciato bene. L’ho schierato più di quanto pensavo ed ha interpretato bene quello che gli avevo detto, cioè di entrare in partita, farci giocare a pallacanestro e non strafare perché io lo conosco bene, la gente imparerà a conoscerlo e non deve dimostrare niente a nessuno. Il suo arrivo ha galvanizzato tutti perché adesso sappiamo che abbiamo un uomo di valore in più, inserito in una squadra già di valore, perché senza Sottana questa squadra ha fatto 17 – 1, per cui onore al merito a chi ha tirato la carretta fino ad ora. C’è tutto il tempo per inserirlo, anche perché ormai siamo in ballo, siamo primi in classifica e alle finali di Coppa Italia, pertanto sarebbe delittuoso non provare a vincere”.

“Monza ha due dimensioni – spiega Ghizzinardi rivolgendo l’attenzione al prossimo match -: una fuori casa, dove rischiano, perdono e fanno fatica; una in casa dove è una squadra di valore, inoltre ci sono voci di mercato che la riguardano. Questa una partita dura e difficile, da approcciare diversamente da come stiamo facendo ultimamente: il primo quarto dovrà essere più intenso”.

Luca Sottana, ultimo arrivato in casa Riviera, racconta il suo punto di vista: “Oggi è stata una partita tosta, dato che loro sono secondi in classifica volevano venire qua a fare risultato per provare a ribaltare i primi due posti nell’arco di questa stagione. Siamo partiti tutti quanti un po’ in sordina, anche in difesa, poi abbiamo tirato fuori più carattere, voglia e grinta. La partita è stata combattuta fino alla fine e noi abbiamo avuto la meglio. Io ho cercato di stare agli ordini del coach ed è stato un impatto sicuramente discreto, però so che posso fare molto meglio e dare molto di più a questa squadra”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.