IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Appalti telefonici, Pasa (Fiom-Cgil): “Tavolo con Regione e Provincia per banda larga”

Vado L. Una folta delegazione savonese ha preso parte questa mattina a Roma allo sciopero nazionale di otto ore che ha riguardato il settore degli appalti telefonici, indetto da Fim Fiom Uilm nazionali e dalle strutture territoriali e Rsu aziendali. A Vado Ligure i lavoratori della Ciet hanno aderito alla protesta che si è svolta sotto la sede di Telecom Italia.

Tra i rappresentanti sindacali arrivati nella capitale Andrea Pasa della Fiom Cgil, che ha parlato di una situazione di grave difficoltà che ha visto inevitabilmente i lavoratori scendere in piazza. Solo in Liguria le imprese che ricevono appalti da Telecom occupano diverse centinaia di dipendenti, e quanto alla Ciet di Vado Ligure persistono ancora problematiche nella regolare erogazione degli stipendi ai lavoratori. Andrea Pasa ha chiesto un incontro urgente a Regione Liguria e Provincia di Savona, in primis per sfruttare le occasioni produttive ed occupazionali in merito al bando da 10 mln di euro per la banda larga in tutto l’entroterra ligure e savonese.

“Fino ad ora dalle istituzioni abbiamo ricevuto ben poco, spero che dopo questa situazione si comprenda la gravità della situazione e che gli enti locali possano contribuire a trovare una via d’uscita anche grazie a nuove occasioni di sviluppo per il settore nel savonese” ha sottolineato Andrea Pasa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Leggo:

    http://www.bitcity.it/news/12136/partnership-tra-tiscali-e-infinera.html

    questa azienda ha cercato di non appoggiarsi ai logori e difettosi cavetti dell’ ex monopolista
    anche un’altra azienda fa lo stesso ….

    e sono aziende dove gli inconvenienti sono bassi (forse nulli).

    Appoggiarsi ad una rete ormai decrepita e’ un errore da evitare … il monopolio esiste solo perche’ qualcuno ci sguazza …. basta evitarlo e non succede nulla

    Se appoggiarsi ad altro fornitore costa forse qualcosa in piu’ non si puo’ ignorare il fatto che la sicurezza ha un suo costo …. quanto vale il tempo che si butta via sui cavetti di rame senza manutenzione da decenni?

  2. Scritto da roberto 2

    se, finalmente, si liberalizzasse veramente il mercato della telefonia il lavoro per gli addetti del settore non mancherebbe più, il monopolista telecom non è assolutamente interessato alla banda larga nei piccoli centri, come al solito riuscirà a prendere un bel mucchio di soldi pubblici e non combinerà nulla.