IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, spostamento mercato: la promessa di Avogadro

Alassio. La battaglia elettorale si gioca a suon di piccoli e grandi temi: in particolare a livello locale dove, anche lo spostamento di un mercato da una zona all’altra, genera proteste e malcontento per gli “addetti ai lavori” e, dunque, la necessità di porvi rimedio. Ad intervenire sul “caso” delle bancarelle alassine è l’ex sindaco, Roberto Avogadro, candidato con la lista civica “A come Alassio”, in vena di fare promesse elettorali.

“Già nello scorso ottobre, quindi molto prima che partisse la raccolta di firme da parte degli ambulanti di Alassio per lo spostamento del mercato settimanale del sabato, ‘A come Alassio – Lista Avogadro’ aveva nel suo programma un punto specifico in cui si impegnava a spostare il mercato dall’attuale sede di Via Pera – Via Gastaldi in quella nuova di Via Roma – dice Avogadro – Quella dello spostamento del mercato in una zona più idonea è una esigenza che in questi ultimi anni, dopo l’apertura dell’Aurelia-bis, è diventata sempre più evidente e pressante, innanzitutto per motivi di sicurezza e di inadeguatezza delle attuali aree. Lo spostamento del mercato nell’attuale sede, che io realizzai con fermezza nel 1994 nonostante manifestazioni e proteste, era stato fortemente voluto dalla cittadinanza e già programmato da precedenti amministrazioni che, però, non avevano mai avuto la forza ed il coraggio di portarlo a termine”.

“Questo precedente, che allora fu vissuto negativamente dagli ambulanti, deve essere invece per loro adesso rassicurante: infatti dimostra che quando mi assumo un impegno lo porto a termine in maniera decisa, e l’impegno che adesso mi assumo è che entro sei mesi al massimo, dal giorno delle elezioni, il mercato avrà una sua nuova collocazione. Mi dichiaro da subito disponibile ad incontrare le rappresentanze degli ambulanti per avere da loro suggerimenti su questa operazione nell’intento comune di riqualificare il mercato settimanale del sabato ad Alassio restituendo ad esso una forte valenza commerciale e turistica”, conclude Avogadro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. gabbiano
    Scritto da gabbiano

    beppe1976!!!!! Meno male che ci sei tu che (unico tra gli ignoranti) sai di cosa parli!

  2. Scritto da beppe1976

    Ciao carissimo Mauro, mi dispiace che certe persone, scrivano determinati commenti su argomenti della quale sono completante ignoranti. Tutti noi vogliamo il bene del paese, soprattutto per quelle persone che fanno tanti sacrifici e meriterebbero più gratificazioni. L’ambulante viene considerata una categoria di serie B, per chi non ne conosce la vera realtà. Categoria invece, che per alcune attività nei vari paesi deserti e desolati della nostra regione, aiuta ad incrementare in maniera importante i loro incassi, addirittura del 300 o 400% in più rispetto ad una giornata dove il mercato purtroppo per loro non c’è. Dove alcuni banchi anche di buon livello incassano se sono fortunati qualche euro, andando per l’ennesima volta in perdita, pagando per lavorare. Poi il comune riceve il proprio contributo annuale da tutti gli operatori (suolo pubblico e spazzatura). Pregherei soltanto alcune persone che prima di parlare dovrebbero documentarsi sugli argomenti che vogliono commentare.

  3. Scritto da intermauro

    caro hakuna matata rispetto la tua opinione , ma penso che sia condivisa da pochissimi alassini i quali ,come te , non hanno ancora compreso che il mercato non porta via lavoro ai negozi di alassio ,ma bensì lo incrementa notevolmente , questo è dimostrato dal fatto che la maggioranza dei commercianti di alassio VUOLE che il mercato del sabato ritorni in centro città !

  4. Scritto da intermauro

    caro gabbiano , ti faccio presente che tutti gli ambulanti del mercato di alassio pagano la tassa di suolo pubblico e la tassa sulla spazzatura al comune di alassio ; peccato che io sia un ambulante che tutti i sabati frequento il mercato di alassio e che quando chiudo ,come dici tu ,torno a casa mia che si trova ad ALASSIO dove vivo e pago le tasse , inoltre la maggior parte dei negozi di alassio sono gestiti da persone o società con residenza o sede fuori alassio . A proposito , caro gabbiano , tu le tasse le paghi ????

  5. Ciccio Formaggio
    Scritto da Hakuna Matata

    Caro Gabbiano, sei un mito!!!
    In poche righe hai sintetizzato il pensiero di tutti gli alassini.
    Dispiace per ambulantedeluso, ma così è la vita (commerciale) di qualunque cittadina.