IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vaccarezza: “Di Tullio è suscettibile e il Pd è figlio di ‘Botteghe oscure’”

Savona. Prosegue il botta e riposta tra il Presidente della Provincia di Savona Angelo Vaccarezza (Pdl) e il segretario provinciale del Pd Livio Di Tullio. Questa mattina su IVG.IT Di Tullio aveva puntato il dito contro il numero uno di Palazzo Nervi accusandolo di fare poco l’amministratore e troppo il politico e di non occuparsi abbastanza del territorio. Vaccarezza con un post sul suo blog ha replicato a Di Tullio accusandolo di “essere molto suscettibile di perdere le staffe e spesso di parlare a sproposito”.

“Tuttavia se fossi il segretario del Pd savonese – afferma Vaccarezza – probabilmente anch’io perderei le staffe facilmente: essere sconfitti continuamente non è mai una cosa piacevole. Il sondaggio del Sole 24 Ore è vero che, come tutti i sondaggi, va preso come un’indicazione, però è anche vero che è uno strumento che dice che l’amministrazione provinciale di Savona ha un gradimento dei savonesi del 51%, quasi due punti in più rispetto al giorno delle elezioni, ma soprattutto emerge che, se si votasse oggi, io sarei eletto al primo turno”.

“Sono quindi ridicole le critiche da parte del segretario provinciale del Pd che, anche questa volta, ha perso un’ottima occasione per stare zitto, visto che proprio il Partito Democratico savonese, quando ha pubblicato il suo nuovo sito, ha lanciato un sondaggio sul gradimento dei savonesi rispetto al sindaco Berruti. I curatori del sito e del sondaggio hanno però commesso un errore ed hanno inserito, tra le varie possibilità di valutazione del lavoro di Berruti, anche una casella con scritto “Molto insufficiente” e proprio il “Molto insufficiente” è stato cliccato dal 70% di coloro che si sono collegati.Risultato: il sondaggio è stato oscurato” prosegue Vaccarezza.

“Io capisco che gli esponenti del Pd sono i “figli di Botteghe Oscure” e quindi che oscurare le cose sia una cosa che appartiene al DNA di chi è un vero comunista. Però, permettetemi di dire, “chi di  sondaggio ferisce, di sondaggio perisce”! Solo una preoccupazione: non vorrei che a furia di taroccare i sondaggi gli esponenti del Pd si trovassero un giorno davanti a dei risultati elettorali molto sfavorevoli. Per Savona questa prospettiva sarebbe un vero affare, anche se mi dispiacerebbe davvero per Di Tullio perché se si arrabbia così tanto per un sondaggio figuriamoci se perdesse le comunali di Savona” conclude Vaccarezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Il PD sta alle Botteghe Oscure come il PdL sta a Craxi. Non so cosa sia peggio. Vedremo se a Savona, al momento del voto, l’elettorato terrà in considerazione lo specchio del PdL provinciale, che ci rappresenta esattamente le capacità degli amministratori di tale “partito” in combuttas con i secessionisti locali.

  2. Scritto da prettydog53

    1) la testa di lunardon è rotolata verso ruoli più importanti;
    2) nel pdl-lega sono tutti così convinti di vincere a savona, che non riescono a trovare un candidato disposto a fare da agnello sacrificale;
    3) c’è chi nasconde i risultati di un sondaggio di un sito privato e chi invece tarocca le firme per presentarsi alle elezioni, e per questo se la vedrà in tribunale e sarà condannato;
    4) il genio di cui sopra, sempre tronfio e pronto a dare consigli non richiesti, è finito 87.mo su 108 presidenti di provincia, davvero un risultato da primo della classe…

    pensasse di più a governare e di meno al cabaret.

  3. Scritto da Aurelio Bianchi

    x Iron,
    magari fosse come dici tu!
    Purtroppo Lunardon è stato chiamato a Genova come vice segretario regionale.
    E quando il segretario volerà verso altri ( e più redditizi) incarichi, il nostro Lunardino diventerà segretario regionale.
    In quel partito la vittoria o la sconfitta, il bianco o il nero, lo decidono i caporioni indipendentemente dalla realtà.
    Guarda come hanno sistemato i perdenti (elettoralmente parlando) Ruggeri, Mattia Rossi, Lunardon, ecc…

  4. IronMan
    Scritto da IronMan

    la testa di Lunardon è rotolata dopo le elezioni Provinciali, quella di Di Tullio rotolerà dopo le elezioni comunali di Savona (e non solo) . . e poi gli elettori del PD diranno che hanno “due cose rotonde e uguali che girano” !