IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tpl, lunedì sciopero: i sindacati scrivono ai sindaci della provincia

Savona. “Non si può chiedere più nulla ai dipendenti Tpl”. I sindacati puntano i piedi e si scagliano contro la compressione del costo del lavoro, quasi a lanciare una sfida propositiva in attesa dello sciopero previsto per lunedì prossimo. “Tutto il risanamento della vecchia Acts ed il costo della fusione con Sar è stato scaricato sulle spalle dei lavoratori, quindi è già molto alto il prezzo pagato – scrivono i responsabili di Cgil, Cisl, Uil, Cisal e Cub – Fronteggiare i tagli imposti dalla manovra finanziaria del Governo Berlusconi comprimendo ulteriormente le condizioni del lavoro non è accettabile”.

Le ragioni dei sindacati sono state racchiuse in una lettera aperta ai sindaci della provincia di Savona. I lavoratori rifiutano ulteriori riduzioni salariali: “Non abbiamo sentito nulla a proposito di strategie che consentano maggiori introiti all’azienda, e quindi strategie di sviluppo, ma solo logiche involutive come il taglio dello stipendio o la riduzione del numero dei riposi, già ora abbondantemente inferiori alla stragrande maggioranza delle aziende italiane. Dirigenti che costano centinaia di migliaia di euro alle casse di una azienda pubblica medio-piccola come Tpl, e che godono di ricchi benefit e premi, devono dare di più”.

Le sigle sindacali, poi, formulano alcune proposte: “E’ evidente la mancanza di sinergie con chi, istituzionalmente, è responsabile della situazione riguardo alla viabilità ed alla vivibilità dei centri urbani. L’incremento delle corsie preferenziali, ad esempio, permetterebbe di aumentare la velocità commerciale con conseguente riduzione di costi per l’azienda; la creazione di parcheggi di interscambio con l’istituzione di biglietti integrati (park più bus) permetterebbero l’ampliamento delle isole pedonali con miglioramenti per l’ambiente e per la fruibilità delle città; la creazione di convenzioni con associazioni di categoria (ad esempio gli albergatori) in una provincia a vocazione turistica, consentirebbe l’utilizzo del mezzo pubblico anche per conoscere meglio il nostro territorio con evidenti vantaggi”.

“Gli enti proprietari, tutti, devono dire con chiarezza cosa intendono fare per il trasporto pubblico, e alzare il livello di attenzione sulla gestione dell’azienda. L’approccio autoritario e poco democratico avuto da questa dirigenza nell’affrontare le problematiche dei lavoratori, cosa che da sempre denunciamo, ha prodotto e produrrà una serie di vertenze giudiziarie, che costeranno grosse cifre all’azienda, e saranno così vanificati i sacrifici fatti da chi lavora e dagli utenti per il risanamento” concludono i sindacati, con un riferimento preciso ai contenziosi di lavoro che potrebbero costare centinaia di migliaia di euro alla società di trasporto pubblico.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Si potrebbe chiedere di liberalizzare il settore.
    Inutile anzi dannoso mettere a disposizione un servizio che si paga due volte una con soldi prelevati dalle tasche di tutti i contribuenti ed una seconda volta con i soldi dei malcapitati che devono fruire di un servizio a dir poco inefficiente.

    Se fosse un privato a fornire il servizio …. si farebbe in quattro per acquisire clienti …. ben sapendo che solo questi gli possono consentire un utile di gestione.

    La parte pubblica inserita in questi pseudo servizi fa’ mancare la volonta’ di operare bene “tanto poi paga pantalone”.

    Sono utilissimi questi servizi …. chi vi lavora non se ne rende conto …. salta le fermate, e’ scortese, insomma (per colpa di quei tre o quattro autisti da rieducare) io considero il servizio di trasporto savonese un qualcosa che non utilizzero’ mai piu’.

    (In quanti la pensano allo stesso modo?)

    Insomma che si regga da sola questa baracca …. senza contributi prelevati dalle nostre tasche.