IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tennis, a Vado una tappa del circuito giovanile e un torneo Quarta Categoria foto

Vado Ligure. Dicembre è stato il mese delle feste e del riposo, ma non per il Tennis Club Vado: anzi, proprio in concomitanza con le celebrazioni dell’8 dicembre e del Natale, il circolo vadese ha visto intensificarsi la propria attività grazie ad una serie di manifestazioni che hanno coinvolto centinaia di persone, dai più piccoli agli adulti.

Ma andiamo con ordine. Il primo appuntamento di rilievo si è tenuto nel fine settimana del 4 e 5 dicembre, con la 4° tappa del circuito autunnale giovanile riservato agli under 8 e agli under 10, nato dalla collaborazione di alcuni maestri dei circoli di Genova. Il Tennis Club Vado ha ospitato per il primo anno una tappa sui propri campi, potendosi vantare di essere l’unico circolo in provincia di Savona ad aderire all’iniziativa.

E la risposta è stata eccezionale: oltre 40 bambini di età comprese tra i 7 ed i 10 anni hanno preso parte ai tabelloni denominati Evolution per i più esperti, e Mid per i più piccini, sia maschili che femminili, giocando per oltre 5 ore sotto l’attenta organizzazione dei maestri dello staff di Luca Andreotti. I vari tornei hanno assunto un ruolo ancor più importante grazie alla collaborazione dei maestri dei principali circoli della regione: Arenzano e Pineta, Finale, Ambrosiano Voltri, Biancorosso Carcare, Park Genova e Nancar di Albisola, oltre ovviamente al circolo vadese, hanno partecipato ad una eccezionale giornata di festa e divertimento, oltre al solo lato agonistico della manifestazione.

E, proprio dal lato agonistico, i beniamini di casa hanno dato vita a prestazioni di primo ordine, piazzandosi nei primi posti di tutte le gare disputate: nell’Evolution under 10 sono stati ben 4 i ragazzi giunti nei quarti di finale, con 2 di loro in semifinale ed uno in finale, sconfitti solamente dal genovese Massimiliano Biggio (Park Genova). Piazza d’onore, come detto, per il vadese Thomas Savarè, al suo primo torneo, sconfitto per 4/2 all’atto decisivo dopo aver superato nei quarti il primo favorito Giovanni Gramaticopolo (TC Finale) ed in semifinale il genovese Andrea Valle.

Semifinale raggiunta anche dall’altro vadese Marco Lagati, superato per 4/2 dal vincitore, e quarti di finale per Alessio D’Ovidio e Fabrizio Tabacchetti. Nella stessa manifestazione femminile dominio ancor più schiacciante del TC Vado, con ben 3 ragazze su 4 a contendersi la vittoria finale. Alla fine ha avuto la meglio Emma Ferretti su Rachele De archi per 4/0, vincitrici in semifinale rispettivamente su Virginia Spina e sull’unica “intrusa” Agnese Bottino, figlia d’arte del maestro Stefano del TC Arenzano, di 2 anni più piccola rispetto alle altre partecipanti.

Passando ai tabelloni Mid, dominio in campo maschile degli allievi del maestro Crifasi della Pineta di Arenzano, con Alessio Roccatagliata che ha sconfitto in finale Emil Monti per 4/3. Semifinali per Andrea Valle e Boris Soster, grande protagonista nelle tappe precedenti del circuito. Nel tabellone femminile, infine, sono le allieve del maestro Bottino a primeggiare, con Elisa Procacci che ha avuto la meglio su Agnese Bottino per 4/3. Al termine della giornata tutti i bambini intervenuti sono stati premiati e immortalati da maestri e genitori, con grande soddisfazione e gioia di tutti i presenti.

Nemmeno il tempo di riprendersi da questa due giorni molto intensa, che immediatamente tutti gli sforzi sono stati riposti nell’ormai tradizionale torneo “Natale in Riva al mare”, limitato alla Quarta Categoria. giunto alla sua 3° edizione: tanti come al solito i partecipanti provenienti da molte regioni del nord Italia, con i fedelissimi che ogni anno rinnovano la loro presenza e alcune new entries di prestigio, rappresentate da talentuosi e giovanissimi atleti provenienti dai circoli piemontesi del Match Ball di Bra e da Cuneo.

Novità anche dal punto di vista organizzativo, con l’inserimento nel calendario, per la prima volta, dei tabelloni di doppio: un nuovo esame superato a pieni voti, con buona partecipazione e soprattutto l’opportunità per i più giovani di avvicinarsi ad una disciplina un po’ trascurata ma molto divertente. Tutto questo ha significato un impegno notevole per tutta la macchina organizzativa, con ben 130 atleti impegnati in 9 tabelloni, per un totale 166 partite disputate in poco più di due settimane.

Per quanto riguarda l’aspetto agonistico, tante conferme e qualche sorpresa: nel torneo maschile gradito ritorno da vincitore per Sandro Borsotti, storico portacolori del circolo vadese, ora trasferitosi a Bolzano: tutt’altro che facile il cammino verso il successo, merito della resistenza opposta nei quarti da Claudio Carta, sconfitto per 6/4 6/4, e soprattutto da Giorgio Rovero, anch’egli del TC Finale, in semifinale, domato per 6/1 1/6 7/5 dopo oltre 3 ore di battaglia.

La finale, infine, ha avuto un esito “a sorpresa” con il primo favorito del torneo, Alberto Carta, costretto al ritiro in vantaggio per 3/1 al terzo set a causa di un infortunio ad una gamba. Alberto, con una passato da protagonista nella Terza Categoria e nei circuiti veterani, aveva anch’egli dovuto faticare non poco per raggiungere l’atto conclusivo del torneo, sconfiggendo in semifinale il beniamino di casa Simone Zunino per 4/6 6/3 6/4 al termine di un’altra maratona cheha consacrato, se ce ne era bisogno, il giovane giocatore vadese come sicuro protagonista della nuova stagione che sta per iniziare.

L’infortunio occorso in finale non deve in ogni caso sminuire i meriti del giocatore trentino, da anni ai vertici della Quarta Categoria, che ha messo in mostra le doti di combattente ed un gioco preciso e “geometrico”.

Nel torneo femminile, invece, prima affermazione per Silvia Damonte, giovane portacolori del TC Arenzano, che ha dominato il torneo senza perdere nemmeno un set: senza storia la finale in cui ha superato Monica Demandi, del TC San Salvatore, per 6/0 6/1 in meno di un’ora. Pochi gli ostacoli verso la finale per la vincitrice, rappresentati soprattutto dall’amica Francesca Stagni, del TC Finale, superata in quarti per 7/6 6/3, più che dalla piemontese Martina Manzone (C.C. Cuneo) sconfitta in semifinale per 6/4 6/2.

Ancora una semifinale per la giovane giocatrice finalese Virginia Fazio, battuta da De Bandi per 6/2 0/6 6/3 con tanti rimpianti per un risultato che avrebbe potuto essere ben diverso a fronte di un livello di gioco più solido e potente dell’avversaria. Menzioni anche per i finalisti dei tabelloni intermedi, con Cecilia Carta vincitrice della sezione limitata 4.5 sulla vadese Bianca Vottero, e Simona Siri, esperta giocatrice del Nancar di Albisola, che ha avuto la meglio su un’altra giovane promettente, Elena Dotta, del Country Club Cuneo. In campo maschile affermazione per Andrea Bolla nel tabellone limitato 4.3 sul vadese Alberto Calvi.

Tanto spettacolo è arrivato anche dai tabelloni di doppio, con giocatori di prim’ordine che hanno dato vita ad incontri spettacolari e molto combattuti. In campo maschile il successo è andato a Milano, con i maestri Stefano Battiston e Federico Ferraris, entrambi di livello ben superiore alla Quarta Categoria, che tuttavia hanno dovuto faticare non poco per sbarazzarsi in semifinale del duo vadese composto da Alberto Berardinucci e Andrea Del Giudice, sconfitto per 10 punti a 8 nel super tie-break del 3° set, e della coppia Luca Del Giudice e Lorenzo Grosso in finale, superati per 6/3 6/4. Tante le sorprese, con i finalisti vincitori contro pronostico di coppie molto quotate quali i fratelli Carta nei quarti di finale e Giorgio Rovero / Simone Zunino in semifinale.

In campo femminile protagonista assoluto il TC Finale, con ben 4 coppie su 8 iscritte. Vincitrici, manco a dirlo, proprio il duo finalese composto da Virginia Fazio e Francesca Stagni sulle giovani promesse Bianca Gramaticopolo e Marianna Riolfo, di soli 10 anni, sconfitte per 6/4 6/2.

Vittoria senza giocare, invece, nel doppio misto, per la coppia formata da Karim El Nadoury e Federica Pietricola, che hanno approfittato del ritiro di Alberto Carta nel singolare maschile, il quale pertanto non ha potuto disputare la finale in coppia con la figlia Cecilia. Vittoria comunque meritata grazie alla vittorie sui primi favoriti del torneo Sergio Bernardi e Simona Siri al primo turno.

Con questi risultati si è chiuso un 2010 ricco di attività e successi per il circolo di Vado. Tanto l’impegno profuso per ospitare più manifestazioni di qualsiasi altro circolo, con particolare attenzione ai giovani ed al divertimento, che rende il lavoro della realtà savonese in continua crescita a livello di adesioni e consensi, e che permette agli oltre 100 ragazzi iscritti alla scuola tennis di crescere misurandosi con le realtà più importanti della Liguria. Ma non c’è tempo per adagiarsi sul passato che già la nuova stagione incombe, con tutto lo staff del maestro Andreotti pronto ad accogliere presente e futuro del tennis ligure con passione e professionalità, confermando quanto di buono fatto sino ad ora ma alla ricerca di sfide sempre nuove e stimolanti che possano regalare, agli oltre 250 tennisti presenti nella sola realtà vadese, un nuovo anno ricco di soddisfazioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.