IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Spotorno, arriva il commissario prefettizio Di Giovanni

Spotorno. E’ stato nominato questa mattina il commissario prefettizio che reggerà il Comune di Spotorno sino alle elezioni di primavera. Si tratta di Marco Di Giovanni, viceprefetto aggiunto.

Si apre così la fase di commissariamento per l’ente spotornese, dopo una serie di veleni politici che hanno fatto implodere l’amministrazione. La defezione del vicesindaco Cristiano Zunino, seguito da tre consiglieri eletti nella maggioranza di centrodestra, ha assestato il colpo prima dell’anno nuovo, portando alle dimissioni del sindaco Giuseppe Volpera alla vigilia di Natale.

Stamane il prefetto savonese Claudio Sammartino ha disposto la sospensione degli organi elettivi del Comune. Il commissario nominato, Marco Di Giovanni, “in servizio presso questa Prefettura dal 1989, ha maturato esperienze in diversi settori fra cui quella di dirigente dell’Ufficio Elettorale Provinciale dal 1996 al 2003 – si legge in una nota dell’Ufficio del Governo – Dal medesimo anno 2003 ricopre l’incarico di Dirigente dell’Area 5 (Protezione Civile, Difesa Civile e Soccorso Pubblico). Inoltre, ha già svolto le funzioni di commissario straordinario presso il Comune di Zuccarello e di subcommissario al Comune di Albenga”.

Il commissario svolgerà l’ordinaria amministrazione sino alla tornata anticipata, mentre in città i bollori elettorali si fanno più intensi. Non si è però ancora delineato un quadro chiaro. Parte degli amministratori del centrodestra stanno organizzando una lista civica di area moderata insieme all’ex consigliere regionale Matteo Marcenaro, presidente della società partecipata Star (al centro di alcuni contenziosi tra Comune e Tributi Italia che hanno inciso non poco sugli equilibri politici in questi 19 mesi di esecutivo comunale). Dall’altra parte il probabile candidato, espressione del centrosinistra, è Gian Paolo Calvi, mentre altre liste civiche potrebbero far capo al “dissidente” Cristiano Zunino e all’ex sindaco Matteo Ravera.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.