IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Spaccio, operazione “Equatore”: 1 patteggimento e 4 rinvii a giudizio

Savona. Un patteggiamento e 4 rinvii a giudizio. E’ questo il verdetto dell’udienza preliminare celebrata questa mattina, davanti al gup Laura Russo, per una storia di spaccio di cocaina. Gli imputati Marco S., 46 anni, Vincenzo C., di 28, Antonio D.M., di 44, Enzo S., di 49, e Emilio S., di 42, erano finiti nel mirino degli inquirenti nel dicembre 2009, allo smantellamento di un’organizzazione dedita al traffico di stupefacenti e che vedeva coinvolti, insieme a un gruppo di dominicani, anche italiani che risiedono nella nostra provincia.

In manette erano finiti Juan Manuel Dominguez Abreu, 46 anni, dominicano, residente a Cisano sul Neva, la moglie Monica Ghirado, albenganese di 36 anni, e il fratello del primo, Ulises Alberto Dominguez Abreu, 44 anni, dominicano, sposato e residente a Savona dove lavorava come ballerino. Nell’indagine erano poi rimasti coinvolti altri italiani che da loro si rifornivano di droga.

A patteggiare una pena di un mese e 1000 euro di multa, in continuazione con un altra sentenzaa, è stato Marco S. Per tutti gli altri il giudice ha disposto il rinvio a giudizio. Il processo a loro carico inizierà il 25 marzo prossimo. A tutti veniva contestato di aver acquistato e ceduto, tra il luglio e l’agosto 2008, della droga prendendo contatto con Manuel Dominguez Abreu.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mariolino

    bei tempi quando esisteva il bagno penale della Cayenna, se ci fosse oggi, con i sistemi di allora, cinque anni in quel posto e, se sopravvivi, di spacciare non ti passerebbe neanche per la mente!