IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Soppressione di treni: i pendolari chiedono di salvarne almeno dieci

Più informazioni su

Liguria. Sono almeno dieci i treni da “salvare” dai tagli decisi dall’assessorato ai Trasporti della Regione Liguria. Almeno secondo il WWF Liguria e le varie associazioni di pendolari che tirano le orecchie alle istituzioni regionali che hanno annunciato l’imminente soppressione di 70 treni regionali, gettando nello sconforto i viaggiatori.

“Siamo molto stupiti che, malgrado i pressanti appelli dei Comitati Pendolari e delle Associazioni (provenienti non solo dalla Liguria ma anche dal Piemonte e dalla Lombardia) l’Assessorato ai Trasporti della Regione Liguria non solo non abbia indicato alcuna forma compensativa per alleviare i potenziali gravissimi disagi provocati dall’imminenza della soppressione di 70 treni regionali dal Programma di Esercizio ligure, ma non abbia neppure fornito risposte alle circostanziate richieste provenienti da tutto il territorio e dagli utenti – scrive in una nota il WWF – Con senso di responsabilità, gli organismi firmatari chiedono all’Assessorato ai Trasporti di sospendere l’esecutività per 30 giorni di 10 treni (su 70 inseriti dalla Regione Liguria nella cosiddetta ‘blacklist’) fondamentali per una mobilità minima”. Tra questi treni vi sono anche quelli relativi alla tratta Genova-Ponente (11390 delle 20,17 da Principe), Ventimiglia-Savona (6223 delle 7,20 da Ventimiglia), Milano-Genova (2199 da Milano delle 22,25), Ponente-Levante (ex 11391 delle 22,24 da Alassio a Sestri).

“L’esecutività dei tagli di questi 10 treni dovrà essere posticipata almeno al 1° marzo 2011 per quelli il cui taglio previsto era per il 1°febbraio 2011 e revocata per quelli il cui taglio era previsto per giugno, impegnando i 30 giorni ad avviare tutti gli incontri necessari con le associazioni di pendolari al fine di ricercare: cofinanziamento del R 2199 da parte della Regione Lombardia e della Regione Piemonte; cofinanziamento dei R 21169 e 6183 da parte della Regione Piemonte e della Provincia di Alessandria; fonti alternative di finanziamento dei R 21084, 21055, 21134, 21111, 11391, 11390, 6223 ; predisposizione di un piano di collegamenti sostitutivi su gomma per i restanti treni di cui è prevista la soppressione”, concludono i richiedenti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.