IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sit-in di protesta di Zanardi durante la visita pastorale di monsignor Lupi foto

Savona. Come annunciato nei giorni scorsi da Francesco Zanardi, il “grande accusatore” della diocesi di Savona-Noli, si è svolto presso il Duomo, durante la visita pastorale del vescovo Lupi, il sit-in non violento che aveva l’obiettivo di contestare quelle che Zanardi definisce “le offensive dichiarazioni fatte durante il Te-Deum dal vescovo Lupi, dichiarazioni false che offendono e deridono ulteriormente le vittime”.

“Oggi, insieme a me, erano presenti in Duomo 4 vittime di don Giraudo – continua Zanardi -. La contestazione non violenta si è svolta attendendo l’uscita del presule dalla sacrestia, e guardandolo negli occhi quanto possibile, mentre passa davanti a me, alla presenza dei fedeli. Non c’è bisogno di parole, il vescovo conosce bene la situazione . Dopo il passaggio del presule, non essendo stato possibile consegnare a lui direttamente le lettere delle vittime, le ho affidate nelle mani della segreteria del vescovado. Al termine della messa è avvenuto per mano mia un volantinaggio all’uscita del Duomo. Nel volantino è stato distribuito il testo della lettera aperta inviata al vescovo Lupi nel quale denuncio l’omertà che avvolge i casi di pedofilia da me denunciati e molti altri”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.