IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sì all’acqua del rubinetto nelle mense: la scelta di Loano rispecchia il trend italiano

Più informazioni su

La notizia, uscita ieri, che la città di Loano ha scelto di eliminare le bottigliette di plastica dalle tavole delle mense scolastiche, puntando tutto su brocche d’acqua di rubinetto depurata, appare quanto mai “in linea coi tempi”. Questa decisione rispecchia infatti quella che, in realtà, è la scelta di molti italiani che sembrano orientati a cambiare gusto in fatto di acqua da bere. Ben il 46% della popolazione, secondo una recente indagine di Aqua Italia, l’associazione delle aziende costruttrici e produttrici di impianti per il trattamento delle acque primarie, federata ad Anima (Confindustria), beve acqua potabile del rubinetto (trattata e non). Si tratta di una propensione in crescita, un trend che si va affermando da 4 anni e che permette di stimare un ulteriore aumento nell’arco del 2011.

I dati si riferiscono al 2009 e rispetto al 2008 l’aumento è del 6%. Al contrario, chi dichiara di non aver mai bevuto acqua del rubinetto, o di averla bevuta in rari casi, si attesta intorno al 31% con un decremento del 6% rispetto a due anni prima. La ricerca si è basata su un panel di 2.050 persone rappresentativo dell’intera popolazione nazionale, al quale è stato chiesto se avessero bevuto acqua potabile, trattata e non, nei precedenti 12 mesi. Risultato: il 74% degli intervistati dichiara di averla bevuta nell’arco del precedente anno. Un dato in costante crescita se si considera che nel 2006 la percentuale era del 70,4% e nel 2008 si aggirava intorno al 72%.

Questo costante incremento, secondo i promotori dell’indagine, denota un forte desiderio di cambiamento da parte degli italiani che hanno sempre detenuto il primato mondiale per il consumo pro capite di acqua in bottiglia (oltre 194 litri l’anno).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.