IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, Marson: “Il piano mobilità non serve a nulla, bus ogni 10 minuti”

Più informazioni su

Savona. “Per Savona serve una maggiore integrazione del trasporto ferroviario con quello del trasporto pubblico locale, è una forte esigenza della città. Tpl ha pronto un piano che ridisegna anche le nuove linee e ora si tratta di metterlo in pratica: un trasporto veloce con le principali interconnessioni del territorio comunale”. Così l’assessore provinciale ai trasporti, Paolo Marson, a margine della presentazione della nuova biglietteria di Tpl Linea alla stazione ferroviaria di Savona.

Marson si è soffermato anche sul dibattito in corso a Savona sull’approvazione del nuovo piano della mobilità: “Come sapete non credo ai piani e alle programmazioni, hanno solo una valenza pubblico-politica che poco incide sulla realtà della viabilità e del trasporto. Per Savona serve un sistema moderno ed integrato, che significa scendere dal treno e trovare l’autobus ogni 10 minuti, il resto sono chiacchere…”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Scimun

    L’integrazione gomma-rotaia, anche tariffaria, deve esistere in tutta la provincia..perchè fare pietra-savona in autobus lungo l’aurelia con quasi un’ora di percorrenza quando in treno bastano poco più di venti minuti fermando a finale e spotorno? ovviamente il treno non consente di raggiungere qualunque destinazione, ed ecco che serve l’autobus con la necessità, però, di ridurre al minimo il tempo perso per la rottura di carico.
    ci vorrebbe quindi una frequenza elevata lungo tutto l’asse litoraneo, magari riducendo la percorrenza delle singole corse bus ma facendo arrivare i pullman davanti alle principali stazioni in modo da lasciare al bus spostamenti a brevissimo raggio e al treno quelli a media distanza.
    L’azienda provinciale di trasporto pubblico, inoltre, vista l’inadeguatezza di chi gestisce la parte del trasporto su rotaia, potrebbe diventare operatore ferroviario e gestire oltre ai bus i treni regionali, così come avviene in Provincia di Bolzano con ottimi risultati, d’altra parte la morfologia della nostra provincia e la viabilità impongono di investire nel trasporto pubblico, oltretutto la popolazione è concentrata lungo la fascia costiera, condizioni ideali per sfruttare i collegamenti su ferro e integrarli con quelli su gomma.