IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona e il caso delle strane strisce pedonali foto

Più informazioni su

Savona. Una carrozzeria troppo pesante per essere spostata oppure un misterioso antifurto “carnivoro” a fare da deterrente? Chissà. Fatto sta che, al momento di dare una rinfrescata a queste strisce pedonali, nessuno ha “osato” toccare questo motorino parcheggiato a ridosso delle “zebre”.

Siamo in via Ancona, a Savona. Le foto che vi mostriamo parlano da sole e fanno sorridere. Strisce pedonali stranamente irregolari e che terminano a ridosso della ruota posteriore del motorino: bastava spostarlo di qualche centimetro per permettere il completamento di un lavoro ben fatto. Eppure gli operai optano per una soluzione a dir poco bizzarra: la vernice bianca si ferma a qualche centimetro dal mezzo e il risultato finale non risulta proprio essere un capolavoro. Che si tratti di un attacco di pigrizia dei dipendenti comunali? Quel che è certo e che il ministro Brunetta, con il suo tormentone sui “fannulloni”, avrebbe qualcosa da ridire.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Ciao jchnusa

    Io mi riferivo a Monaco (Baviera) ….

    Pagare con le impronte digitali …. e’ pratico e semplice adottarlo almeno nei supermercati abitualmente frequentati …..

    Su una rivista agricola redatta dalla regione piemontese un articolo presenta la gestione dell’allevamento dei bovini ….

    come molte persone applicano alle proprie orecchie degli orecchini …. ai vitelli di quell’allevamento applicano una tesserina (tipo bancomat) …. ecco quando entrano od escono dalla stalla si aggiorna lo stato dell’arte del magazzino …

    Quasi tutti noi abbiamo in tasca una tessera sanitaria ….con la sua codifica leggibile …. da una semplice apparecchiatura in grado di riconoscerci quando saliamo sul tram o quando scendiamo …. oggi non sarebbe un problema pagare in base all’utilizzo che si fa’ del mezzo pubblico (o di un qualsiasi altro servizio) ….

    Ci vorrebbe poco per inventare sistemi atti a facilitare la vita di chi “””e’ in regola””” gli altri … possono continuare a fare le code, pagare anticipatamente biglietti, ticket, ……. servizi vari.

    Ora a Milano pare ….. che si possa utilizzare la tessera sanitaria (collegata al proprio computer) per fare comodamente da casa … per esempio la scelta del medico di base …..

    Bisogna che le amministrazioni comincino a pensare ad alleggerire il proprio carico di lavoro (spesso abbastanza poco significativo) …… il tempo delle assunzioni di quantita’ enormi di personale e’ definitivamente in fase di esaurimento …..

    Bisogna fornire servizi al cittadino …. basta studiare sistemi per angustiarlo con procedure farraginose …..

    Ci arriviamo …. credimi ….

    Non so dove ho letto che qualche amministratore dotato di materia grigia ha trovato il sistema per far lavorare chi vuole ….. ci sono dei mangia lattine che le pressano ad una ad una e poi rilasciano un qualcosa con cui chi le ha deposte incassa dei quattrini …

    Ricordo un aneddoto su Kennedy in cui narrava che in gioventu raccoglieva sulla spiaggia le bottigliette e le portava dove ….. venivano pagate …..

    Ecco … questi sistemi “capitalistici” andrebbero rispolverati ….

  2. jchnusa
    Scritto da jchnusa

    @lui anch’io ho un ricordo primi anni 80 Monaco Montecarlo; percorrevamo il lungo rettilineo dove parte il gran premio di f1 all’ altezza del passaggio pedonale che il quel tratto è larghissimo, mia moglie alla guida, dei pedoni che finivano di attraversare le strisce, vista l’enorme distanza tra i pedoni e l’auto mia moglie decise di passare, all’ incrocio successivo veniamo fermati da un gendarme monegasco che ci contesta di non aver atteso che il pedone finisse l’attraversamento della strada ma cosa assai rara ci graziò forse perché all’ epoca mia moglie risiedeva a Nizza ed aveva un auto con targa francese. ci chiedemmo come poteva aver visto l’infrazione, semplice a Monaco vi è una rete di telecamere che vigilano su le vie collegata ad una centrale operativa che avvisa il primo gendarme prossimo all’ accaduto e così arrestano le auto quasi immediatamente.
    Concludo dicendo che mi trovo sempre in accordo su tutto quello che tu proponi come soluzioni tecnologiche ricordo la tua proposta di pagamento con le impronte digitali etc , oggi la tecnologia ci offre un infinità di applicazioni e soluzioni ma aimè l’essere umano è refrattario a tutte le regole del buon senso ed al rispetto del prossimo

  3. Scritto da Aurelio Bianchi

    Cosa dice Berruti dai suoi mega-manifesti?

    Che realizza le idee?

    Ma faccia il piacere ….

  4. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    x jchnusa

    Ricordo con ammirazione quanto vidi a fine anni ’60 … ero a Monaco per studi ….
    “mentre sono alla fermata del bus arriva un tipo parcheggia in zona vietata e si infila in un portone
    passano pochi minuti
    arriva un carro attrezzi e mentre salgo sull’autobus la vettura viene portata via …..
    suonava un antifurto ….. rotto il finestrino e staccato qualcosa …. anche l’antifurto ha smesso di suonare ……

    efficienza teutonica …

    (o … forse stavano girando un film o rubando la vettura con la complicita’ del “polizist” … non lo sapro’ mai ….. ma ho imparato in quella occasione ad evitare di lasciare la mia vettura in zona proibita … in cinquant’anni credo che la scena mi abbia fatto risparmiare molti quattrini)

    Il concetto di base e’ che una vettura

    noi la consideriamo una specie di casetta cui attribuiamo dei diritti sullo spazio che sta’ occupando ….. anche se abusivamente …
    altri la considerano per quello che realmente e’ ….un oggetto ingombrante che va’ rimosso sollecitamente se abbandonato dove crea disturbo.

    Ora qualcosa cambia anche da noi in Italia “finalmente” ….

    pare che fra non molto (dopo le elezioni)
    auto anonime gia’ pronte …. dotate della capacita’ di fotografare gireranno e

    multeranno tutte quelle infrazioni estremamente fastidiose che oggi “la fanno franca”
    per i soliti problemi burocratici che “una pletora di nullafacenti” si inventa nottetempo …..
    “la multa …. la notifica …. sara’ legale” …

    arrivera’ ….. spero ……
    a tutte le vetture (o vespette) sulle strisce, sui marciapiedi, ferme in seconda fila …(per due minuti … un caffettino) …..

    la velocita’ della rilevazione sara’ fondamentale per far sparire questa brutta abitudine.

    Ora che la legge lo consente spero che vengano corrette le lungaggini amministrative ….
    l’obiettivo ora si sposta …. la multa ormai automatica ….. deve arrivare entro pochissimi giorni dalla infrazione ….. ecco se non arriva entro una settimana al massimo

    la dovrebbe pagare chi ha bighellonato lasciando trascorrere il tempo

    (tutta gente che andrebbe licenziata …. come l’autore delle strisce spezzate …… e di chi gli ha poi pagato la fattura).

    La multa in vettura …… partira’ a fine primavera …..
    io ero piu’ favorevole a pressare sul posto le vetture che ingombrano …

    pare non sia possibile per l’eccessivo rumore della pressa mobile
    ….
    pazienza …. va’ bene anche cosi’ …

    finalmente un automatismo nella rilevazione della infrazione che toglie discrezionalita’ nella notifica della contravvenzione ……

  5. jchnusa
    Scritto da jchnusa

    @lorenzo_87 hai pensato di lasciare il tuo lavoro di strisciatore artistico per presentarti a ZELIG?