IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, bracconaggio: due denunce della polizia provinciale

Savona. Due episodi di bracconaggio a poca distanza l’uno dall’altro hanno portato la polizia provinciale di Savona al sequestro di altretanti fucili utilizzati dai bracconieri fermati nei boschi del territorio savonese.

Il primo episodio si è registrato a Tovo San Giacomo dove un 75enne finalese, in piena attività venatoria, è stato sorpreso mentre uccideva un uccello non cacciabile, ovvero un fringuello.

Il secondo fatto è avvenuto oggi a Stella, dove un 46enne varazzino ha ucciso uno scoiattolo rosso, un picchio rosso ed un merlo, ed è stato individuato in flagranza dagli agenti della proviciale.

Per entrambi i cacciatori, oltre al sequestro della selvaggina e dei fucili, è scattata una denuncia all’autorità giudiziaria. La pena prevista è l’arresto da due a otto mesi e l’ammenda fino a 2.000 euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da freeholly9

    se non erro,la normativa che regola la licenza dei porti d’arma e da caccia prevede che i detentori di tali titoli siano incensurati.
    Una denuncia all’A.G dovrebbe far decadere tale condizione e quindi dovrebbe scattare la revoca del porto d’armi.

  2. Scritto da poliedrik

    …e se u se vegnisse a savè che i tante’otte i cuntrullè sun i cuntrulluri..?

  3. Scritto da Resist

    I cacciatori-bracconieri presi sul fatto sono troppo pochi rispetto alla quantità di fauna protetta ferita o uccisa.
    Ancora una volta …basta con la caccia e basta con i politici che fanno leggi a loro favore.
    La Regione Veneto,governata dalla Lega, in pieno disastro alluvioni…insistendo nel chiedere(e ottenere) aiuti allo Stato(tutti noi),ha deliberato nello stesso tempo un finanziamento di 300.000 euro per “sostegno all’attività venatoria”.
    C’è da vergognarsi!!!!

  4. sampei29
    Scritto da sampei29

    Sono d’accordo con giudice!

  5. Giudice
    Scritto da Giudice

    mi auguro anche la revoca a vita della licenza di porto di fucile. Questa non si chiama caccia! Di conseguenza quelli non si chiamano cacciatori.