IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ripubblicato il libro del partigiano “Mauri”

Più informazioni su

In occasione del centenario della sua nascita, è stato ripubblicato il libro di Enrico Martini “Mauri”, il noto Comandante partigiano Enrico Martini, Maggiore degli Alpini, fondatore e capo delle Divisioni Autonome che combatterono in Liguria e Piemonte.

Da oggi è in distribuzione in tutte le edicole e le librerie del Savonese la ristampa di un volumetto-testimonianza con presentazione del professor Pier Franco Quaglieni. Il libro si intitola “Noi del 1° Gruppo Divisoni Alpine. Settembre 1943 – Maggio 1945. Una Resistenza da riscoprire” ed era uscito proprio nel 1945. Si tratta di un libro scritto da Mauri “a caldo” poco dopo la Liberazione, in cui il Comandante partigiano rievoca la nascita delle prime formazioni autonome, denominate poi “Divisioni Alpine”, le battaglie in Val Maudagna, in Val Casotto e nelle Langhe e in Val Bormida. Il testo, che è stato scritto a pochi giorni dai fatti, è di grandi importanza storico-biografica nonché di una bellezza notevole con passaggi di autentico lirismo. La vicenda partigiana è descritta con toni epici ma con grande realismo ed incisività.Mauri racconta anche la sua cattura da parte dei tedeschi e la sua rocambolesca fuga.

Sul volumetto sono citate molte località dell’entroterra ligure e del Piemonte in cui si combatté la dura lotta resistenziale, emergono i nomi delle grandi figure di capi partigiani: da Bogliolo a Poli, da “Lulù” a Gildo (Milano), da Mario dello Sbaranzo (Mario Ferraro), dal capitano Ignanzio Vian al tenente Bacchetta (Giuseppe Dotta). Infatti anche il “Gruppo Bacchetta”, sorto a Rocchetta Cairo già nel settembre 1943, via via cresciuto e diventato poi la “Brigata Savona”, trasferitosi dapprima sulle alture rocchettesi, ai Ravagni, e quindi emigrato in Valle Uzzone, nel territorio di Mauri, entrò a far parte degli Autonomi. Infatti si possono ancora oggi vedere partigiani della Val Bormida “superstiti” partecipare alle manifestazioni con il fazzoletto azzurro, tipico dei “Mauri”, su cui compare la scritta “Brigata Savona”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.