IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vesco su immigrazione: “Il click day è una dimostrazione di ipocrisia populista”

Regione. “Il click day non è il modo corretto per affrontare la regolarizzazione dei migranti, ma ennesima dimostrazione di ipocrisia populista”. L’assessore regionale alle politiche dell’emigrazione e dell’immigrazione Enrico Vesco interviene sul “click day”, giornata in cui i datori di lavoro (imprese ma anche famiglie) interessati all’assunzione di cittadini extracomunitari potranno chiedere il loro ingresso nel nostro Paese.

“Dopo l’approvazione, il 31 dicembre scorso, del decreto flussi 2010-2011 – spiega l’assessore Vesco –  con cui il Governo ha autorizzato poco meno di 100.000 nuovi ingressi, oggi alle 8 è scattato il primo dei tre click day che assegnerà i 52.080 permessi riservati ai cittadini di paesi che hanno accordi con l’Italia. L’attuale procedura prevede che l’invio delle domande di assunzione sia fatto per via informatica da parte dei datori, che allo scopo devono registrarsi sul sito del Viminale e compilare i moduli appositamente predisposti”.

“Le procedure però –  secondo l’assessore all’immigrazione della Regione Liguria – rischiano di intasare i server impedendo di presentare i moduli in tempo, come è successo l’anno scorso, determinando così il respingimento della domanda, in maniera tanto banale quanto crudele, visto che nella maggior parte dei casi le domande non fanno riferimento a nuovi ingressi, ma hanno a che vedere piuttosto con la regolarizzazione di persone che sono già a lavorare in Italia”.

“Riteniamo – conclude Vesco – che non accogliere queste richieste significa solo spingere nell’illegalità persone che vorrebbero uscirne, con tutto ciò che ne consegue”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. folgore
    Scritto da folgore

    E su questo si potrebbe dargli ragione se non fosse che in ogni paese civilizzato e con un minimo di progresso non può succedere che 52.080 utenti possano intasare dei server!!!!
    Negli stati uniti si fa qualsiasi cosa via web, si compra si vende si pagano le tasse ogni sefvizio informativo e non è via web, un modo per chi è impossibilitato a muoversi o costretto a casa di non essere emarginato o costretto aperdere intere gg di lavoro in coda.
    Qui in Italia niente funziona via web, le info sono poche e lente, e mentre mezzo mondo viaggia a gratis su tecnologie più avanzate delle fibre ottiche ad oltre 100mb/s noi rimaniamo estasiati quando a stento raggiungiamo i 7mb/s!
    E parla proprio lui assessore in una delle regioni tecnologicamente più arretrate dove non si sa nemmeno se arriverà mai il digitale terrestre?
    Che pensi con la sua giunta a migliorare le comunicazioni e dare una sveglia all’assessore competente e che si occupi di ciò che già gli riesce male…i trasporti!