IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rc Auto: oltre il 6% dei liguri dovrà cambiare classe

Liguria. Saranno circa 2,5 milioni gli automobilisti italiani che, nel rinnovo della polizza Rc Auto, dovranno cambiare classe per avere causato nel 2010 un incidente. E’ quanto riferisce Assicurazione.it, analista del settore. Sono Toscana, Sicilia e Puglia le regioni con il più alto numero di denunce alle assicurazioni nel 2010 mentre, tra le categorie, vigili urbani e sacerdoti risultano i guidatori più prudenti.

Per quanto riguarda gli automobilisti liguri, oltre il 6% ha presentato alle proprie compagnie assicurative denunce di incidente con colpa – riferisce Assicurazione.it -. A livello nazionale i più ‘dannosi’ sono stati i toscani (7,06%) seguiti dai siciliani (6,71%) e dai pugliesi (6,51%). Sopra alla media nazionale (5,89% degli automobilisti che cambierà classe di merito), anche il numero di denunce per incidente con colpa presentato in Umbria, Piemonte e Lazio, tutti superiori al 6%.

I più bravi al volante sembrano essere i molisani (meno del 4% di loro ha denunciato un incidente con colpa nel 2010), i lucani (4,76%) e gli abitanti dell’Emilia Romagna (4,94%).

“Se si cambia classe di merito – sostiene Alberto Genovese di Assicurazione.it – aumenta il premio annuo. Ma se all’atto del rinnovo si confrontano i prezzi offerti da diverse compagnie non solo è possibile contenere la spesa ma in alcuni casi, anche peggiorando la propria classe di merito, si possono trovare prezzi più bassi del premio pagato l’anno precedente”.

Sempre secondo i dati di Assicurazione.it, dalle denunce presentate alle assicurazioni risulta che le categorie professionali che hanno causato il maggior numero di incidenti sono stati i medici (6,70%) e gli insegnanti (6,66%). Gli automobilisti più prudenti, come detto, sono i vigili urbani (4,65%) e i sacerdoti (4,98%).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.