IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rapinò tassista che mesi dopo lo riconobbe dalla voce: processo in corso

Savona. Si è celebrata questa mattina, in Tribunale a Savona, una nuova udienza del processo che vede sul banco degli imputati un 39enne di Pietra A.C., che deve rispondere di sequestro di persona e rapina. L’uomo è infatti accusato di aver minacciato con un coltello e rapinato del cellulare e di 120 euro un tassista di Finale, A.O., il 17 dicembre del 2004.

Il presunto rapinatore, che aveva agito a volto coperto, era stato riconosciuto dalla vittima dalla sua voce: il 39enne era infatti salito, qualche mese dopo la rapina, come cliente, sul taxi ed il guidatore lo aveva riconosciuto e denunciato.

Nello stesso processo alla sbarra, con l’accusa di favoreggiamento, c’è anche una 38enne, I.I., che aveva fornito un alibi (falso, secondo la Procura) a A.C. sostenendo che quel giorno lui era con lei. Stamattina in aula è stato sentito un testimone e il giudice ha poi rinviato il processo al prossimo 21 giugno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. pirata
    Scritto da pirata

    Se è stato riconosciuto e l’alibi è falso, che vada in galera per un pò, magari troverà qualche intimo amichetto e quando uscirà avrà anche cambiato la voce!!!