IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piano mobilità a Savona, Comitato Casello Albamare: “Non c’è analisi su flussi veicolari”

Savona. Il Comitato Casello Albamare critica il piano della mobilità di Savona il cui progetto definitivo, consegnato dalla società Polinomia, è al vaglio del Comune di Savona per aprire la fase delle osservazioni, prima di una sua definitiva approvazione in Consiglio comunale. Per il presidente del Comitato che si batte per il nuovo casello autostradale, il piano parte da dati e analisi sbagliate, a cominciare dalle rilevazioni sui flussi di traffico.

“La ciclopedonalizzazione, i park sotterranei o lo stesso mezzo pubblico non risolvono il problema della mobilità a Savona. Non sono stati presi in considerazione i centri maggiori attrattori di traffico: porto, ospedale, centro commerciale Il Gabbiano o gli accessi alle scuole comunali, senza un piano ingienieristico che possa risolvere i flussi veicolari analizzandone la provenienza e la direzione, non credo si farà molta strada” prosegue Forzano.

Il presidente del Comitato Albamare cita l’esempio dell’arteria di connessione tra il porto di Savona e l’Aurelia Bis, passando da Corso Ricci. “Questo intervento non è stato previsto nel piano della mobilità, eppure fa parte del Puc, è possibile? Questo significherebbe immettere nella città di Savona parecchio flusso di mezzi pesanti, con ripercussioni senz’altro negative” conclude Forzano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bruno Pirastu
    Scritto da Bruno Pirastu

    Condivido. Savona non ha avuto uno sviluppo armonico ma ,semplicemente, recuperato aree dismesse ,sparse qui e là per la città e destinate quasi sempre ad uso residenziale anche se prive di logica, vedi Bofil e Crescent, e il traffico ovviamente è andato in crisi. Di questi giorni la discussione sulla nuova direttrice ex-via Stalingrado ,,, ma se poi il traffico portuale passerà da Corso Ricci ?? Ogni tanto, vedi Piazza Saffi/Via S.Lorenzo , ci sono delle idee, piccoli interventi e sempre , per ognuno cheista la consulenza di Studi specializzati, ognuno dice la sua …. manca la visione globale il collante che unisce la città. Forse se si affrontassero prima e seriamente le problematiche, con criticità e meno personalismi qualche risultato si potrebbe anche avere.