IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pedofilia, nuova “stoccata” di Zanardi a Lupi: pronta la petizione per chiedere le sue dimissioni

Più informazioni su

Savona. “Pare proprio che l’Onnipotente sia indisposto nei confronti del vescovo Lupi, le sue dichiarazioni oramai durano poche settimane prima di essere smentite”. Inizia così l’ennesimo attacco frontale di Francesco Zanardi alla Diocesi di Savona. Il “grande accusatore” della curia di Savona spiega: “E’ di oggi la notizia che la Procura della Repubblica sta chiudendo le indagini, e anche se la chiesa savonese, per molti reati si salverà grazie alla prescrizione, pare molto lontana la Sobrietà con la quale affrontava il Natale Lupi, e un tantino traballanti le sue ultime dichiarazioni fatte durante il te deum. Sembrerebbero diventare poco attendibili anche le varie dichiarazioni pubbliche dei vari sacerdoti e degli educatori, che fino a ieri usavano la frase ultimamente molto in voga tra il clero ‘non ho mai avuto sentore'”.

Insieme a Zanardi, in questa battaglia, ci sono anche Alessandro Pennestri e Roberto Nicolick. I tre raccontano: “Il mese di febbraio sarà comunque caldo per il vescovo Lupi, al massimo mercoledì prossimo consegneremo la petizione di firme nella quale chiediamo le dimissioni di Lupi, cominciata da qualche mese e arrivata oggi a raccoglierne qualche migliaio. Nel cofanetto, oltre alle firme, forniremo gli audio che il vescovo non ha mai voluto sentire, le lettere di varie vittime e un video messaggio che stiamo realizzando e che renderemo successivamente pubblico. Una sorta di curriculum del vescovo Lupi al quale attribuiamo la codardia di non essere voluto intervenire”.

“Un rimprovero costruttivo va anche ai sacerdoti di questa diocesi con l’invito a rivedere il proprio ruolo, anche di educatori che negli ultimi decenni pare essere venuto meno dando esempio di omertà, che ha colpito l’intera comunità. Ci auguriamo che il vescovo comprenda che la diocesi di Savona, in questo momento ha bisogno di persone responsabili, che affrontino con umiltà ed umanità quello che probabilmente hanno nascosto troppo a lungo, quello che ben quattro vescovi savonesi non sono stati capaci di risolvere, facendo pagare le conseguenze a dei bambini innocenti” concludono Zanardi, Pennestri e Nicolick .

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lucanicole
    Scritto da lucanicole

    Ma solo ora, nel 2010/2011 ci siamo resi conto che nella chiesa ( o meglio di chi predica il catechismo e la religione) ci sia qualcosa che non và? pedofilia, sopprusi, insabbiamenti di reati????? son tutte cose che esistono dai tempi del medioevo..e che piu o meno lo sapevano tutti… eppure son sempre andate bene no?? io son dell’idea che preti e chi per essi per essere persone UMANE senza troppe balle per la testa dovrebbero essere come gli altri: fare una vita civile , sposarsi e avere figli!!!!(e credo che nessuno si rifiuterebbe di andare in chiesa alla domenica a sentire il loro sermone perche hanno anche loro una famiglia) cosi saprebbero comportarsi a modo e avrebbero altri valori in piu… tipo i figli. (almeno nella maggior parte). xke mi son sempre chiesto: per sposarsi in chiesa devi fare il corso PREmatrimoniale…. ma loro che ne sanno cosa vuol dire convivere con una persona di sesso opposto e avere dei figli da crescere?!?!?!? che esperienze hanno?? nessuna almeno alla luce del sole no? eppure criticano gli altri e poi alcuni si comportano come animali.