IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Maltrattamenti in famiglia: 39enne albanese condannato a un anno e 8 mesi

Savona. Ancora una volta un grave caso di maltrattamenti in famiglia arriva in Tribunale a Savona. Questa mattina il giudice ha infatti inflitto una condanna ad un anno e otto mesi ad un albanese di 39 anni che era accusato di aver più volte picchiato e minacciato, tra le mura domestiche, la moglie ed i figli. L’uomo, che era solito abusare di bevande alcoliche, secondo l’accusa, dal dicembre 2006 al luglio 2007, a Cairo, avrebbe maltrattato la sua famiglia.

In tre occasioni il 39enne aveva anche provocato lesioni ai suoi figli che avevano dovuto ricorrere alle cure dei sanitari (in due casi la prognosi era stata di 7 giorni mentre nell’altro di 3). Molte le circostanze nelle quali invece aveva minacciato, anche di morte, la moglie.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. IronMan
    Scritto da IronMan

    @resist . . . perchè sono italo-americani, non ITALIANI !! in ogni caso in America te ne stai in carcere per un po’ (italiano, americano o altro..), ma delinquere sul suolo italico per questi qui è diventata una barzelletta !! tutti fuori e via . . . io questo qui te lo manderei un po’ a casa tua, così fai il democratico sino in fondo !!

  2. Scritto da freeholly9

    mmmmmm resist guarda che la galera in america non è mica come in italia….la voglia di far lo zingarello in giro te la fan passare stai tranquillo..
    questi sono animali…..andrebbero tenuti in uno zoo più che in una galera

  3. Scritto da Aurelio Bianchi

    Se tornassero da dove sono venuti, Cairo sarebbe spopolata.

  4. Battitore Libero
    Scritto da Donato

    “era accusato di aver più volte picchiato e minacciato, tra le mura domestiche, la moglie ed i figli” Non sarà mica un caso di violazione della privacy.

  5. Scritto da Resist

    Ragionamento(presunto) di un “@pirata” americano……:
    perchè i 100 mafiosi italo-americani,arrestati l’altro ieri a New York, non vengono rispediti in Italia con le loro famiglie…li vivrebbero felici e contenti.