IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Loano, concerto del duo pianistico composto da Matteo Fossi e Marco Gaggini

Più informazioni su

Loano. Domani, mercoledì 5 gennaio, a Loano, alle ore 17,30, nell’oratorio N.S. del SS. Rosario, si svolgerà il secondo concerto della rassegna “Le musiche dell’anima”, organizzata dalla Confraternita delle Cappe Turchine con il patrocinio dell’assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano. Ad esibirsi sarà il duo pianistico composto dai maestri Matteo Fossi e Marco Gaggini.

La serata si aprirà con la trascrizione per due pianoforti di György Kurtag della Corale “Christum wir sollen loben schon Bwv611” di Johann Sebastian Bach. Il duo pianistico eseguirà, poi, “En blanc et noir” di Claude Debussy e la trascrizione per pianoforte a 4 mani di György Kurtag della Corale “Gottes Zeit ist die allerbeste Zeit BWV106” di Johann Sebastian Bach.

La seconda parte del concerto sarà dedicata all’esecuzione della “Sinfonia n.4 in Mi minore op.98” (versione per due pianoforti dell’autore) di Johannes Brahms.

Matteo Fossi si è diplomato nel 1999 al Conservatorio di Ferrara col massimo dei voti. Successivamente si è perfezionato dapprima con Maria Tipo e Pietro De Maria, poi con Pier Narciso Masi, e nel 2001 ha frequentato come allievo effettivo il Seminario di Maurizio Pollini all’Accademia Chigiana di Siena. Dopo aver vinto, giovanissimo, alcuni primi premi ad importanti concorsi nazionali solistici e di musica da camera, nel 1994 ha debuttato come solista a Firenze eseguendo il “Concerto in re maggiore” di Haydn in occasione del tradizionale Concerto di Capodanno con l’Orchestra della Scuola di Musica di Fiesole. Il suo repertorio spazia da Bach a Schnittke, con un’attenzione particolare alla musica del Novecento, testimoniata anche dalla sua assidua collaborazione con l’Ensemble Nuovo Contrappunto diretto da Mario Ancillotti. Fin da piccolo si è dedicato con passione alla musica da camera, sotto la guida di artisti quali Piero Farulli, Pavel Vernikov, Pier Narciso Masi, Alexander Lonquich, il Trio di Milano, Mstislav Rostropovich. Nel 1995 ha fondato il “Quartetto Klimt”, complesso divenuto ben presto una delle realtà più interessanti del camerismo italiano; tale gruppo, vincitore nel 1998 del Concorso Internazionale “Gaetano Zinetti” di Sanguinetto, ha attirato su di sé l’attenzione di grandi artisti quali Yuri Bashmet, Natalia Gutman, Maurizio Pollini, Carlo Maria Giulini.

Matteo Fossi suona in duo con la violinista Lorenza Borrani e in duo pianistico con Marco Gaggini, con cui ha intrapreso l’integrale dell’opera per due pianoforti di Johannes Brahms. Con questi complessi cameristici Fossi è stato invitato da alcune fra le più prestigiose associazioni concertistiche sia in Italia che all’estero. E’ stato più volte protagonista in trasmissioni televisive e radiofoniche della Radio Televisione Italiana. Da qualche anno Fossi si impegna attivamente anche nell’organizzazione e nella diffusione della musica e dal 2007 è direttore artistico del settore classico dell’Estate Fiesolana, il più antico Festival all’aperto in Italia. Molto attivo anche come didatta e organizzatore, insegna pianoforte principale all’Istituto Pareggiato “Giacomo Puccini” di Gallarate e musica da camera alla Scuola di Musica di Fiesole.

Marco Gaggini si è diplomato nel 2004 in pianoforte con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio “Guido Cantelli” di Novara. Ha seguito per oltre cinque anni i corsi di perfezionamento tenuti dal M° Pier Narciso Masi, figura fondamentale nella sua crescita artistica. Convinto della necessità di una formazione musicale completa ha intrapreso studi di clavicembalo e musicologia. Nel 2005 è stato ammesso nella classe di Danilo Costantini al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano. In veste di cembalista tiene recital, fra l’altro, alla Triennale di Milano (2006), al Teatro Dal Verme in occasione dell’anniversario di Domenico Scarlatti (2007), nella Sala Puccini del Conservatorio “G. Verdi” (2007 e 2009), per la rassegna “I luoghi dello spirito e del tempo” (2009) e per la “Rassegna cembalistica” di Monte Compatri (2009 e 2010).

Nel Maggio 2008 ha vinto il Primo Premio assoluto (sezione solistica) all’11° concorso nazionale di clavicembalo “Gianni Gambi” di Pesaro, aggiudicandosi anche il premio “Domenico da Pesaro” per l’esecuzione di una Toccata di Frescobaldi. Da alcuni anni si interessa alla prassi esecutiva su pianoforti storici ed è stato invitato a tenere concerti in alcune stagioni concertistiche italiane sia come solista che in formazione da camera. Nel settembre 2009 si è diplomato in clavicembalo al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano con il massimo dei voti e la lode.

Ha seguito diversi corsi di perfezionamento di clavicembalo con Christophe Rousset e Menno Van Delft. Nel Settembre 2008 cha conseguito la Laurea in Musicologia a pieni voti, alla facoltà di Cremona, con una tesi dedicata alle trascrizioni per due pianoforti delle sinfonie di Johannes Brahms. Attualmente è laureando al corso magistrale di Musicologia presso l’Università di Firenze.

Dal 2007 suona in duo col pianista fiorentino Matteo Fossi con cui ha intrapreso un intenso lavoro di studio e ricerca del repertorio per due pianoforti. Il duo si è esibito in Italia, in Corea del Sud, Francia e Polonia. Nel febbraio 2009 è uscito, edito dalla casa discografica Fenice D.M., il primo disco del duo che è stato subito accolto con unanimi consensi dalla stampa nazionale. Nel 2010 il duo ha registrato in prima mondiale l’integrale delle Sinfonie di Brahms nelle versioni per due pianoforti pubblicata dall’etichetta Universal. E’ direttore artistico e socio fondatore dell’Associazione Musicale “Innovarte” che si occupa dell’organizzazione di eventi musicali nella città di Novara.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.