IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il benvenuto degli Albergatori Finalesi al “turista evoluto”

Finale Ligure. Un’esperienza vissuta a tutto campo, non un soggiorno preconfezionato. Su questa linea, quella del turista “evoluto” che da semplice ospite si trasforma in “cittadino aggiunto” della località di destinazione, si sta muovendo l’Associazione Alberghi e Turismo di Finale ligure, Varigotti e delle Valli del Finalese.

L’obiettivo è combinare l’organizzazione del soggiorno con la libertà di movimento sul territorio, per rispondere meglio all’esigenza, sempre più consolidata tra i turisti, di vivere esperienze reali.

No, quindi, a vacanze artefatte. Lo spiega il presidente degli Albergatori del Finalese, Lorenzo Carlini: “Stiamo misurandoci con le strategie per il futuro. Le persone desiderano fare sempre più esperienze autentiche, vere, genuine. Partendo da questo assunto, stiamo organizzando quei servizi che facciano sentire il nostro ospite un cittadino a tutti gli effetti. Per una settimana o quindici giorni, chi sceglierà il territorio finalese potrà essere immerso nella reale vita quotidiana del posto, senza quella sensazione, della quale a volta si lamentano i turisti, di vacanza artificiale”.

Il tempo dei pacchetti preimpostati o comunque rigidamente definiti volge al termine. Il rilancio del comparto turistico-ricettivo passa anche attraverso le iniziative che offrono all’utenza la scoperta della quotidianità, non soltanto del paesaggio.

“Il turista evoluto si infastidisce se ha la sensazione di essere catapultato in un soggiorno artefatto, fasullo o ingabbiato – osserva Lorenzo Carlini – Al pacchetto della vacanza organizzata sul Mar Rosso, c’è chi preferisce una Liguria da vivere e da scoprire. Vogliamo agevolare le necessità di questo turista esigente: da noi potrà conoscere i monumenti, le tradizioni, le usanze; potrà sapere dove prendere un buon caffè o l’olio presso i frantoi; potrà mescolarsi alla gente di Finale per diventare uno di noi”.

Una filosofia turistica che potrebbe incoraggiare gli arrivi dall’estero. “Gli stranieri sono incuriositi dalla nostra cultura e dal nostro modo di vivere – commenta il presidente degli Albergatori del Finalese – Sono fortemente motivati e desiderano conoscere la storia e la tradizione del luogo che stanno visitando. La nostra idea è di aiutarli in un percorso di immersione nella quotidianità finalese”.

Ecco gli esempi di questa nuova impostazione strategica. Spiega Carlini: “Se viaggi con i bambini, potrai portarli in luoghi dove incontreranno i bambini finalesi, perché possano socializzare. Il progetto ‘Finaludens: un museo del gioco all’aperto’ ben si adatta a questa finalità: bimbi finalesi e ospiti potranno giocare insieme, rinnovando le tradizione del divertimento all’aria aperta, con giochi come il pampano o l’acchiapparella. Se viaggi con il cane, potrai conoscere dove sono le spiagge attrezzate, i percorsi delle passeggiate, i luoghi dove l’animale può andare libero”.

“C’è un’ulteriore novità – aggiunge Carlini – Stiamo aiutando Promofinale perché da metà marzo abbia attivo un portale Internet dove saranno illustrate dettagliatamente le opportunità legate all’escursionismo, dal trekking alla bike, al cavallo, i progetti per i più bambini, per gli sportivi e la dog welcome town, ossia le strutture e i servizi per accogliere gli amici a quattro zampe. In un’ottica sempre più rispettosa dell’ambiente, come del resto attesta l’accordo firmato dagli Albergatori del Finalese con ERG Renew (la divisione della ERG dedicata alle energie rinnovabili) sul parco eolico di Pian dei Corsi e come dimostra l’attenzione degli albergatori verso la possibilità di rifornire le proprie cucine con i prodotti dell’ immediato entroterra, per una perfetta integrazione con il progetto dell’ amministrazione comunale legato alla valorizzazione dei prodotti a Km 0 o di filiera corta”.

Ricorda altresì Carlini che “pochi si sono accorti che Finale Ligure è stata la prima Città Equosolidale della Regione Liguria e che la ricerca di tutte queste eccellenze e il metterle in risalto sarà il primo passo verso una presa di coscienza del valore della nostra offerta turistica”.

Infine, annuncia Lorenzo Carlini, per porre rimedio al fatto che non si sia mai riusciti a coinvolgere l’offerta degli appartamenti in affitto “l’Associazione Albergatori cercherà di coinvolgere in Promofinale le agenzie immobiliari per rendere meglio noto ai potenziali ospiti il ventaglio di possibilità del soggiorno finalese. Anche per questa forma di promozione potrà essere online sul nuovo portale con i dettagli sui vari servizi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.