IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incontro fondi alluvione, Delfino: “Sono ottimista ma a Varazze servono 35 mln per ricostruire”

Varazze. Dopo la fumata grigia della settimana scorsa, la Regione domani torna a Roma per ottenere almeno il 30% dei danni stimati a seguito delle alluvioni che il territorio ligure ha subito negli ultimi mesi. Il secondo appuntamento previsto domani a Palazzo Chigi con il sottosegretario Gianni Letta, rispetto al precedente definito meramente “interlocutorio”, sarà invece una riunione tecnica e ristretta dove, dati alla mano, si valuteranno le possibilità di aiuti alle imprese, l’accesso al mutuo per le persone danneggiate dal maltempo, e le somme urgenze con cui i comuni coinvolti si trovano a fare i conti. Sul tavolo verrà presentata anche la richiesta di un ammorbidimento del patto di stabilità per far fronte alle esigenze dei comuni duramente colpiti. Ammontano a 300 milioni di euro i danni stimati dalla Regione, la Liguria ne ha già ricevuto 10 milioni per le somme urgenze e dalla riunione di domani attende di capire se sarà possibile avere anche gli 80 milioni che ha chiesto.

“Sono ottimista e credo che ci siano buone possibilità di ottenere altri fondi – ha detto il sindaco di Varazze Giovanni Delfino raggiunto al telefono da IVG.IT – Varazze ha subito grossi danni dall’alluvione del 14 ottobre e per ricostruire serve tempo e denaro. In particolare secondo le nostre stime la città e le frazioni danneggiate necessitano dai 12 ai 15 milioni di euro per ripristinare le opere pubbliche. A questa cifra dobbiamo poi aggiungere i danni ai privati che ammontano intorno ai 20 milioni di euro e che comprendono sia le richieste di coloro che hanno perso la casa o le proprietà sia i negozi, gli alberghi e le attività commerciali”.

“Spero che a Roma – prosegue Delfino – vengano riconosciuti altri fondi, magari è probabile che il denaro venga scaglionato nel tempo. Le modalità non sono importanti, anche perchè per ricostruire serviranno circa sette anni, a noi servono risorse per ripartire”.

Intanto entro il mese i febbraio sarà riaperta la porzione di lungomare Europa di Varazze danneggiata dall’alluvione dell’ottobre scorso. La chiusura riguarda la zona circostante al Portigliolo, ossia la parte terminale della passeggiata, nei pressi del confine con Cogoleto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.