IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il sindaco di Andora si racconta in un libro foto

Più informazioni su

Andora. Un libro scritto dal sindaco di Andora, Franco Floris, con il giornalista Romano Strizioli, che racconta la storia di una famiglia e di un sindaco che ha vissuto l’infanzia a Sanluri, un piccolo centro agricolo della Sardegna. Il volume, intitolato “Da Floris”, è stato presentato ieri sera dal primo cittadino andorese e dal suo amico “di penna” Strizioli.

“Apprezzabile per lo stile chiaro e immediato della narrazione, che unisce sentimento e ironia, analisi psicologica e considerazioni sociali”, così scrive il critico letterario Franco Gallea. “Da Floris” è la storia di una famiglia incentrata soprattutto in un locale, un’osteria, una specie di bar di proprietà del padre di Franco, Salvatore, diventato negli anni un centro di aggregazione sociale dove per prima è arrivata la televisione, dove chi leggeva il giornale era un analfabeta e inventava le notizie. Un luogo dove dimenticare, seppur per breve tempo, gli stenti e la miseria che si viveva in quel tempo. Nel libro sono descritti con grande amore ricordi di vita quotidiana, apparentemente banali, ma che leggendoli fanno capire quanto fosse davvero duro vivere in un piccolo paese di provincia lontano dal “Continente”. “Il taglio dei capitoli – scrive ancora Gallea – è ritmato in pagine brevi. Offre una lettura gradevole, capace di rievocare nell’animo del lettore analogie e raffronti con il proprio vissuto”. E’ la storia di Franco Floris, ma è anche la storia della Sardegna.

“Il libro non è nostalgico. Parlo della mia famiglia come se fossi all’esterno, affacciato ad un balcone a osservare che cosa sta succedendo. Attraverso la storia della mia famiglia – spiega il sindaco Franco Floris – ho voluto raccontare la storia della Sardegna che passa dal periodo agropastorale, a quello commerciale e poi turistico senza tuttavia tradire la sua cultura e le sue origini. Il libro è la storia del linguaggio della mia gente, che passa dal silenzio finalmente al confronto. E’ la storia della vita delle persone che passano da un mondo a un altro. La mia è stata una generazione di confine con grandi difficoltà e problemi. Io mi sento un SanlurAndorese a tutti gli effetti. I miei primi sedici anni di vita li ho trascorsi in quel paese. L’amore e il ricordo per la Sardegna rimangono, non c’è nulla di nostalgico, ma è chiaro che il mio cuore oggi è legato al mio paese, Andora, e alla Liguria”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marco marchiano

    considerato che la redazione di IVG.it ha tolto il commento che ieri ho fatto, e nell’attesa che mi chiamino per delucidazioni e spero chiare, comunico che anche io scriverò un libro, con il titolo “”l’avvento dell’elettricità in Andora””; narrerà la storia dell’elettricità ad Andora e delle difficoltà degli operatori del settore con le relative problematiche: problematiche di ieri e di oggi. postero sulla mia pagina facebook altri commeti cosi non verranno censurati.