IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Igor Barbino torna in carcere: sospettato di avere contatti con pregiudicati

Savona. Si sono riaperte le porte del carcere di Marassi per Igor Barbino, il rappresentante di commercio savonese sorpreso settimane fa, nel corso di un controllo della Polizia stradale all’altezza del casello di Genova Aeroporto, a trasportare nella sua auto 50 grammi di cocaina. Ad appena un mese dall’ottenimento dei domiciliari, il 37enne, molto conosciuto a Savona soprattutto negli ambienti che “contano” – come ama ricordare anche su Facebook, dove ha fondato il gruppo “La Savona bene, quella che conta” – torna dietro le sbarre ad aspettare che il pubblico ministero prenda una decisione sulla sua posizione.

Barbino, infatti, non solo avrebbe violato gli obblighi domiciliari, ma sembra che, in quest’ultimo periodo, abbia avuto contatti con alcuni pregiudicati. Fatti che andrebbero ad aggravare la sua già difficile posizione.

Inoltre l’uomo – che si sarebbe sempre difeso dall’accusa di spaccio riferendo che quei 50 grammi di cocaina, pari a 73 dosi, trovati a bordo della sua auto, sarebbero stati acquistati per uso personale a mo’ di scorta per le festività natalizie – dopo l’arresto è stato sottoposto alle analisi antidroga e sarebbe risultato negativo. Fatto, questo, che potrebbe dimostrare che l’uomo non sia un così accanito consumatore di stupefacenti come avrebbe dichiarato, e che forse quella cocaina era destinata ad essere spacciata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da barbi

    Sei un bel fenomeno bandito ti vorrei proprio conoscere

  2. Redazione
    Scritto da Redazione

    Abbiamo trattato ieri la tragica vicenda di Vellego, dando evidenza al fatto nella mattinata, quando è accaduto. I giornali stampati l’hanno evidenziato oggi. Si tenga conto che tra la nostra attività e quella della carta stampata c’è uno scarto di un giorno.

  3. Giudice
    Scritto da Giudice

    Manu74: non la penso così. Penso piuttosto che in un fatto di cronaca come questo si puo’ parlare e straparlare di un individuo che voleva far cerdere di essere superiore agli altri e che invece è finito di gran lunga sotto le scarope degli altri.
    Nell’episodio da te citato IVG ha occupato 2 o 3 pagine per raccontarlo – a suo tempo – ma a riguardo non vedo di cosa si possa parlare se non fare le condoglianze ad ciò che resta di una famiglia distrutta da un’atroce destino di una giovane donna.
    Davanti a certi fatti si prefersice “pensare ad altro” .

  4. manu74
    Scritto da manu74

    A mio parere la cosa piu’ grave è occupare tutto questo spazio per uno dei tanti “scarface

    Secondo me la cosa piu’ grave è occupare una pagina intera di un illustre testata come IVG con tanto di foto di un ennesimo “scarface” tanto rispettato e conosciuto piuttosto che la prematura scomparsa di una donna di poco piu’ di 40 anni ,con un figlio di 18,morta dissanguata perchè lavorava in mezzo a un bosco con attrezzature da vero uomo!!!!!Probabilmente fà piu’ notizia la “Savona bene” e i suoi “Fans di Fabrizio Corona” che l’entroterra colmo di gente instancabile con scarponi sporchi di fango!!!!!!!!!

  5. sampei29
    Scritto da sampei29

    Certo che con quel profilo facebook di simpatie non ne ha attirata molta!