IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Furti ai distributori automatici, ladro condannato a 18 mesi: era stato incastrato dai Ris

Savona. Erano stati i carabinieri del Ris di Parma, attraverso dei mozziconi di sigaretta e alcune tracce di sangue, a smascherarlo e a permettere ai colleghi di arrestarlo. Si trattava del responsabile di una serie di furti, tre in tutto, messi a segno, tra la fine del 2004 e l’inizio del 2005, in Valbormida. Questa mattina il ladro in questione, Tullio Renato Pisano, 40 anni, pregiudicato cengese, che doveva rispondere dell’accusa di furto aggravato, è stato condannato ad un anno, sei mesi e 500 euro di multa.

Secondo l’accusa Pisano avrebbe rubato nella sede dell’Asl di carcare, all’interno dell’ospedale San Giuseppe di Cairo e infine in una ditta cairese, la Monviter. Nel primo caso aveva danneggiato un distributore di bibite si era impossessato dell’incasso, così come durante il secondo colpo, nel terzo invece, oltre ad aver danneggiato la macchinetta del caffè per rubare pochi spiccioli, aveva anche sottratto denaro contante da uno degli uffici della società.

Il ladro aveva però lasciato dietro di sè alcune tracce (mozziconi di sigaretta e qualche macchiolina di sangue che probabilmente era uscita a causa delle ferite che l’uomo si era procurato cercando di forzare i distributori automatici) che i militari cairesi hanno raccolto e inviato a Parma. Gli esperti del Ris, attraverso la banca dati, erano così riusciti ad individuare chi aveva compiuto quei colpi e il gip del tribunale di Savona aveva emesso nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Giudice
    Scritto da Giudice

    Quando si dice “il crimine non paga”…..
    Adesso, caro il nostro ladrone, paga il tuo pegno con la giustizia.
    Una volta scontata la pena, magari incomincia a lavorare. SAi com’è , a 40 anni mi sembra sia giunta l’ora di rimboccarsi le maniche ( e non per rubare gli spiccioli dalla macchinetta del caffè di un ospedale).