IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Frana Murialdo: apertura della SP51 non prima dell’estate e a senso unico

Murialdo. Circa 200 cittadini hanno partecipato ieri all’assemblea pubblica sui disagi provocati dalla frana di Isolagrande, insieme ad amministratori, operatori economici e commerciali interessati dall’evento.

A chiarire gli aspetti relativi agli interventi di ripristino della SP51 è stato l’assessore provinciale Rosy Guarnieri che ha parlato di una riapertura a senso unico non prima di 5 mesi e di costi molto alti. Le soluzioni per ristabilire i collegamenti dall’Alta Val Bormida verso Millesimo sono sempre due. Servono 2 milioni di euro per rimuovere la frana e dare corso a un intervento risolutivo. Circa 600mila, per l’alternativa del bypass da realizzare mettendo in sicurezza la strada di campagna in località Brigneta con l’ipotesi di un ponte militare sul Bormida. I tempi dei due interventi sarebbero comunque simili per cui la Provincia sembra optare per una soluzione più definitiva.

Il sindaco di Millesimo, Mauro Righello, ha inoltre chiesto alla Provincia di agire in via d’urgenza spostando su Murialdo i soldi destinati ad altri interventi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pietrosavona

    Se i nostri amministratori ritrovassero la loro dignità i fondi per intervenire si troverebbero, in quanto per il ripristino della SP51 e per la viabilità alternativa sono solo i soldi che mancano.

    Chiedo al Presidente Vaccarezza di rompere il patto di stabilità e accendere un mutuo con la cassa depositi e prestiti per avere la disponibilità immediata del denaro necessario, dopo di che il governo sarà costretto erogare i soldi per evitare il “fallimento” dell’ente provincia di Savona.

    A questo punto il consiglio provinciale sarebbe sciolta per aver rotto il patto di stabilità ma i consiglieri provinciali si potrebbero presentare alle elezioni successive a testa alta spiegando agli elettori la ragione del loro opera e sono certo che ne uscirebbero notevolmente rafforzati!

    Il problema è che i nostri politici, di destra e di sinistra, sono “incollati” alle loro sedie e la loro unica preoccupazione è non perdere “a carega”!!! (sedia in dialetto ligure)
    Pietro