IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Delitto di Borghetto: Marco Francesco Virgilli condannato a 16 anni

Savona. Sedici anni. E’ questa la condanna inflitta, al termine del giudizio abbreviato, a Marco Francesco Virgilli, il tabaccaio 34enne di Borghetto Santo Spirito accusato dell’omicidio di Francesca Bova, la ragazza-madre uccisa nella cantina di casa sua il 7 gennaio 2010. La sentenza è stata letta nel primo pomeriggio dal giudice per l’udienza preliminare Barbara Romano. Il pubblico ministero Ubaldo Pelosi, questa mattina, al termine della discussione, aveva chiesto per l’imputato una condanna a sedici anni e 8 mesi.

La richiesta dell’accusa aveva tenuto conto della premeditazione: secondo gli accertamenti svolti nell’inchiesta il tabaccaio si era recato armato (una Glock calibro 40) all’incontro sfociato in lite con la vittima, nel condominio “Gardenia”, nella cittadina della Val Varatella. Dall’autopsia eseguita sul cadavere e dai riscontri del RIS è emerso che il colpo è stato esploso a distanza ravvicinata, con la donna rivolta di spalle. Secondo il pm inoltre da parte di Virgilli ci sarebbe stato un legame “morboso” con la vittima che è testimoniato anche da centinaia di telefonate tra i due.

Oltre alla condanna il gup ha disposto per l’imputato, che era assistito dall’avvocato Luca Siccardi, anche l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Sarà da concordarsi in sede privata invece il risarcimento per le parti civili (i familiari della vittima si erano infatti costituiti come parte lesa).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    @dadogenoasupporters: capisco pure l’amicizia ma…davvero non comprendo un tale post.
    Avrei delle sincere remore nello scrivere simili affermazioni. L’auspicio di veder presto fuori dalla galera chi ha ucciso, pur se per “proteggere” la propria famiglia…è quantomeno inquetante, ance se si tratta di una persona cara.

  2. Scritto da dadogenoasupporters

    spero ne sconti il meno possibile … e diff giudicare se nn si sanno le cose capisco… ma credete ..nn e cio che sembra quello era un uomo che si spaccava di lavoro.. la sua colpa e aver reagito ignobilmente x difendere la propria famiglia… vorrei vedere tutti questi benpensanti che scrivono come avrebbero reagito se gli venivano minacciati i figli… MARCO SPERO DI VEDERTI PRESTO FUORI CIAO

  3. Giudice
    Scritto da Giudice

    16 anni. Un po’ pochi per un omicidio premeditato ( anche se c’è il c.d. “rito abbreviato”) che dovrebbe prevedere l’ergastolo, ma lasciamo perdere. 16 anni son pur sempre tanti da far passare. Il problema è , invece , “effettivamente quanti ne sconterà?!”