IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Chiusura della stagione venatoria, il Wwf: “Altro anno orribile”

Più informazioni su

Regione. Il 31 gennaio chiude ufficialmente la stagione venatoria 2010-2011. E dal Wwf giudizio negativo: “Chiude un altro anno orribile”, afferma l’associazione in una nota. “Una condotta irresponsabile – sottolinea Raniero Maggini vice presidente Wwf Italia – quella tenuta dai Governi regionali in materia di caccia, spesso sostenuta da atti illegittimi a danno del patrimonio naturale nazionale ed internazionale, tante sono le specie migratrici che attraversano o sostano nel nostro Paese. Un’urgenza della quale la Conferenza Stato Regioni deve immediatamente farsi carico per ricondurre l’esercizio dell’ attività venatoria nell’alveo della legalità”.

Le Regioni, spiega l’organizzazione ecologista, non hanno applicato la nuova legge (art.42 Legge 96/2010 Legge comunitaria 2009) che ha modificato la legge quadro sull’attività venatoria (Legge 157/1992) e recepito finalmente i principi fondamentali della direttiva “Uccelli” (che risale al 1979) rispondendo anche a diverse e pesanti procedure di infrazione comunitaria aperte contro l’Italia, prevedendo per il nostro Paese nuovi e stringenti obblighi per la tutela della fauna e per la regolamentazione della caccia: l’obbligo, da parte dello Stato ed ancor più delle regioni (che approvano i calendari venatori), di vietare la caccia nei periodi di particolare delicatezza per gli uccelli selvatici ( riproduzione e migrazione) e l’obbligo di mantenerne o riportarne le popolazioni ad uno “stato di conservazione soddisfacente”.

Per questo il Wwf Italia (con Lav, Lipu, Legambiente, Enpa, Animalisti italiani, Lac) ha promosso numerosi ricorsi contro i calendari venatori regionali del 2010/11.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. wolf
    Scritto da Nox

    Basta caccia è ora che finite di giocare alla guerra uccidendo animali indifesi E ancora vi atteggiate a eroi alla salvaguardia dell’ambiente….

  2. gian joao
    Scritto da gian joao

    @resist:
    senza contare che copre il bracconaggio, come si fa a sapere chi va a caccia a cosa spara?

  3. Scritto da Resist

    Danni irreparabili all’ambiente.
    Sanzioni per il mancato rispetto di leggi comunitarie(sanzioni che pagheremo tutti noi con le tasse).
    Morti e ferimenti anche tra i cacciatori.
    Non se ne può più di questa attività cruenta e inutile….invisa a grandissima parte della popolazione.

  4. Scritto da albertobronti

    Direttiva uccelli ………e chi l’ha emanata ? Cicciolina forse ?
    Ma per favore ……..